Progetto “Gare remiere”: le date e le novità della stagione 2024

Sempre più spazio verrà dato agli equipaggi femminili

Share

Pubblicato ore 18:04

LIVORNO – Si svolgeranno nelle seguenti giornate le gare remiere 2024: 25 aprile il Trofeo Liberazione, il 21 maggio Coppa Santa Giulia, il 2 giugno la Coppa Risi’atori e il 2 giugno il Palio Marinaro.

E da quest’anno anche il Trofeo Liberazione e la Coppa Santa Giulia potranno esser seguite in televisione su Telegraducato. La notizia è stata data questa mattina, 15 marzo, nel corso di una conferenza stampa che ha illustrato il progetto “Gare Remiere 2024”, iniziativa di Fondazione LEM – Livorno Euro Mediterranea.

Il progetto, nato nel 2021, ha rilanciato la tradizione remiera livornese come strumento di promozione dell’intera città grazie anche alle riprese da drone e alla contemporanea trasmissione su maxischermo, tv e on line della Coppa Risi’atori (2021 e 2022), della Coppa Barontini (2022 e 2023) e del Palio Marinaro (2023) e che proseguiranno anche quest’anno.

Le novità

Per la stagione estiva 2024 il progetto di promozione delle Gare remiere si arricchisce delle riprese in diretta tv delle due competizioni che aprono la stagione: il Trofeo “Liberazione” e la Coppa “Santa Giulia”.

Non solo, un’altra novità della stagione 2024 è che le Gare remiere si tingono di rosa. Infatti, all’interno della Coppa Lubrani-Meoni prevista il 5 maggio nello specchio d’acqua antistante gli Scali delle Cantine, e poi all’interno della Coppa Risi’atori e della Coppa Barontini sono previste esibizioni di gozzi a dieci remi tutti al femminile. “Abbiamo pensato a una novità che è quella delle donne che saliranno sui gozzi a 10 remi – ha detto il sindaco Luca Salvetti – Ci saranno due equipaggi di donne che si confronteranno in una sorta di esibizione e per la prima volta, anziché gareggiare sulle gozzette a 4 remi, ci saranno equipaggi da 10 femminili. Questo è il frutto del lavoro faticoso e difficile di coinvolgimento delle donne all’interno del mondo del palio marinaro e delle gare remiere”.

Alla presentazione del progetto “Gare remiere 2024” erano presenti il sindaco Luca Salvetti, l’assessore al turismo Rocco Garufo, il referente del comitato Coppa Risi’atori Luca Ondini, la presidente del comitato Coppa Barontini Monica Bellandi e il presidente del comitato Palio Marinaro Michele De Martino.

Le gare

La prima in ordine di tempo è la Coppa Risi’atori, dedicata a Tito Neri, che riporta alla memoria le storiche figure dei “Risicatori”: portuali che ogni giorno sfidavano il mare a bordo di piccoli gozzi per raggiungere per primi le navi da scaricare. Una prova difficilissima, la maratona del mare, dalla Meloria fino alla Darsena Nuova.

Poi l’affascinante e complicata Coppa Barontini, a cronometro in un percorso interno ai Fossi medicei. Dedicata alla memoria di Ilio Barontini, leggendario comandante partigiano.

Infine, la regina delle competizioni tradizionali, quella che esprime meglio l’anima della città: Il Palio Marinaro. Gli equipaggi si affrontano nello specchio d’acque adiacente alla Terrazza Mascagni, spesso accompagnati da un superbo tramonto di fine giugno.

A queste si aggiungono le due competizioni che aprono la stagione del remo e che sono ormai entrate nel solco della tradizione labronica. Il Trofeo “Liberazione”, 25 aprile, gara che si sviluppa con la rinnovata formula dell’inseguimento, e partenza a coppie sotto il ponte girevole, in Darsena nuova (tra scali Novi Lena e Molo Elba); e la Coppa “Santa Giulia”, di scena il 21 maggio, dedicata alla patrona di Livorno: una sfida contro il tempo nello specchio di fosso tra gli Scali delle Cantine e la Fortezza Nuova. Oltre ai Gozzi a 10, partecipano anche le Gozzette a 4 remi, per le categorie Juniores e Femminile: percorsi diversi, più brevi, ma fascino e fatica immutate, così come bellezza, cuore e coraggio.

© Vietata la riproduzione