Premio Rotonda, serata in grande stile tra musica e tante opere

Tanta gente all'inaugurazione di ieri sera

premio rotonda inaugurazione
Gli organizzatori di Calibiza Arte Nuova, con assessore Belais e Cerini. Foto: Valeria Cappelletti

LIVORNO – Inaugurazione in grande stile quella di ieri sera alla Rotonda di Ardenza che ha dato il via alla 65esima edizione del Premio Mario Borgiotti. Si respirava un’atmosfera davvero elegante, lo Chalet ristrutturato in stile liberty, il vociare delle persone, una gran folla che si muoveva tra gli stand che esponevano i quadri e la musica della Banda Città di Livorno. Sembrava quasi di essere tornati indietro nel tempo.

Presenti alla cerimonia l’assessore alla cultura Francesco Belais, Giovanni Cerini responsabile dell’Ufficio cultura del Comune e i membri di Calibiza Arte Nuova: il presidente Francesca Berti, il viceopresidente Stefania Zannerini, Giuseppe Pierozzi, Mario Bencini, il professor Riccardo Carapelli e Carlo Pepi in rappresentanza della giuria.

Francesca Berti ha voluto ringraziare i numerosi artisti, oltre 160, che hanno deciso di esporre, mentre Stefania Zannerini ha sottolineato la presenza di uno stand dedicato ai giovani artisti, futuro del Premio. Il critico Carlo Pepi ha invece evidenziato l’importanza di un maggiore rigore nella selezione delle opere: “Livorno è una città di artisti e per far vedere questa realtà bisogna cambiare sistema e scegliere solo opere di un certo livello”.

L’esposizione andrà avanti fino al 26 agosto e la premiazione si svolgerà il 25 alle ore 21.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*