Poesie e riflessioni contro il razzismo alle Cicale Operose

Altri eventi: Livorno e Napoli esoteriche e le poetesse dimenticate

fondazione livorno
Share

Pubblicato ore 14:00

LIVORNO – Un venerdì per riflettere e combattere la paura dello straniero, dello sconosciuto, è quello promosso dal caffè letterario Le Cicale Operose (Corso Amedeo), patrocinato dal Comune di Livorno, che si terrà domani, 23 ottobre. Titolo dell’incontro “Pelle Differente, parole contro i razzismi“.

Sono invitati autori, autrici, poetesse, poeti a contribuire con analisi, riflessioni, racconti, testimonianze, esperienze personali sulle diverse forme di razzismo. Le parole scritte saranno donate ai partecipanti in forma di cahiers rilegati a mano per l’occasione. Le letture saranno alternate dalle musiche del percussionista Gennaro Scarpato con le “percussioni del mondo”, provenienti da ogni angolo del mondo, a significare un messaggio di unione dei popoli e attualmente esposte al Museo della Fondazione Tronci di Pistoia.

Gennaro Scarpato, eclettico batterista e percussionista partenopeo, vanta collaborazioni nel mondo del pop come Edoardo Bennato, nel mondo del jazz e nel mondo della world music. Ambasciatore musicale della Fondazione Luigi Tronci di Pistoia dalla cui collezione ogni volta seleziona e allestisce un vero e proprio circo delle meraviglie percussive da tutto il mondo. Suoni incredibili e strumenti mai visti o immaginati e prevenienti da ogni parte del mondo presentati come un piccolo gioco di scoperta. Gong Balinesi, TamTam, Gong cinesi, Gamelan Indonesiani, campane Giapponesi e Tibetane, campanelli e cimbali, cavigliere, Tazze taoiste e molto altro. Con le percussioni, Gennaro Scarpato è in grado di raccontare l’intima e invisibile radice con la cultura umana.

Evento con cena vegetariana 15 euro. Per prenotare e per l’invio di testi: 3472993159.

Venerdì 30 Ottobre ore 19 invece è prevista la conferenza: “Livorno e Napoli, città esoteriche“. A cura di Vincenzo Crosio, scrittore, poeta, saggista. È stato Rettore del Seminario teologico politico di Salsomaggiore, Istituto Sobozan, Fudenji. Insegnante, relatore all’Istituto Filosofico di Napoli, specializzato nella interpretazione degli studi antichi tra Oriente ed Occidente. È stato editorial board di Scienze e ricerche, su cui ha pubblicato saggi di epistemologia semantica, antropologia e filosofia, tra cui importantissimi contributi sulle civiltà della Campania antica.
Evento libero. Per prenotare: 3472993159
Al termine, cena (15 euro) su prenotazione per un momento conviviale con il relatore.

Domenica 8 novembre e sabato 14 novembre, per il ciclo “Clandestine: tre poetesse dimenticate” a cura di Maristella Diotiaiuti, verranno presentate tre potesse rimaste nell’ombra, nonostante la loro grandezza. I nomi saranno svelati all’inizio di ogni serata a loro dedicata (18 ottobre, 8 novembre, 14 novembre).
Letture di Aldo Galeazzi; musiche di tre grandi musicisti jazz che accompagneranno sapientemente le letture dei versi delle poetesse trattate (in ordine cronologico, per le tre rispettive poetesse): Nino Pellegrini (contrabbasso); Mariano Di Nunzio (tromba, electronics); Nico Gori (clarinetto, piano).

Cena e spettacolo: 15 euro. Per prenotare: 3472993159

Gli eventi si svolgeranno in una tensostruttura (45 mq.) sanificata in giardino. Posti contingentati. Per prenotare: 3472993159.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*