Picchi, serata indimenticabile. Oggi partita e talk show ai Fiume con Allegri e Moratti

Ieri in Fortezza Nuova presenti il figlio e i calciatori Pavoletti e Lucarelli

Michele Crestacci durante il monologo "Picchi"
Share

Pubblicato ore 07:00

  • di Valeria Cappelletti 

LIVORNO – Ha fatto ridere, tanto, lo spettacolo “Picchi” ieri sera in Fortezza Nuova. Ridere in senso buono. Michele Crestacci non si smentisce mai, complice anche il bel testo scritto a quattro mani insieme ad Alessandro Brucioni. E così, ieri sera, mentre i gabbiani volteggiavano su un cielo velato da qualche nuvola, è andato in scena il primo omaggio a un grande calciatore come Armando Picchi a 50 anni dalla morte e i livornesi non si sono voluti lasciar sfuggire questa occasione. Il prato della Fortezza, quello dove di solito si svolgono le celebrazioni per il Moby Prince, era infatti per buona parte occupato dal pubblico.

Il sindaco e Leo Picchi. Foto: F. Pozzi

Tra i presenti, il figlio Leo Picchi, la nipote Paola Picchi, il sindaco di Livorno Luca Salvetti, i calciatori Leonardo Pavoletti e Cristiano Lucarelli che saranno presenti anche alla giornata di oggi ai Bagni Fiume.

“Grazie per tutto quello che avete organizzato – ha detto Leo Picchi a fine spettacolo chiamato sul palco dal sindaco – è stato molto commovente, per me poi ogni emozione è amplificata”.

Dicevamo dello spettacolo, Crestacci come accade sempre con i suoi monologhi, racconta uno spaccato di vita vera, vissuta; racconta di gente semplice, di manie, di vizi e così ha fatto anche ieri sera quando ha rievocato ciò che accadeva in piazza Mazzini in cui è cresciuto Armando Picchi insieme ai suoi fratelli.

Tutto è partito dalla finale di Coppa dei Campioni Inter-Real Madrid, capitano erano proprio Armando Picchi e fu lui ad alzare la Coppa, la prima vinta dall’Internazionale.

Tante risate, ma anche molti momenti di riflessione e tanti applausi per l’interpretazione di Michele Crestacci e per il ricordo del calciatore livornese. “Armando Picchi a Milano veniva chiamato penna bianca, come i capi Apache. E come i capi Apache aveva una parola per tutti” racconta sul palco il comico labronico.

Foto: F. Pozzi

Dai primi calci al pallone ancora bambino, all’esordio nel Livorno con la famosa frase: “La prima volta che ho indossato la maglia del Livorno mi sono sentito nudo perché la mia pelle era amaranto” e poi la Spal, l’Inter di Helenio Herrera (magistrale l’interpretazione da parte di Crestacci dell’allenatore argentino che ha fatto scoppiare letteralmente il pubblico in sonore risate) e poi l’incontro con Francesca, la bellissima modella, che gli darà due figli, l’infortunio e la scoperta della malattia. “Ho avuto tutto dalla vita – disse Picchi – tutto maledettamente in fretta”.

Un monologo intenso, che ha raccontato di un giovane uomo arrivato da una città di provincia sconosciuta ai più e pronto a lasciare il segno. “Di dov’è questo Picchi? Livorno? Ah, è extracomunitario? Ah, Livorno è vicino alla Versilia?”. E a fine spettacolo, Crestacci e il sindaco hanno voluto ricordare la figura di un altro grande calciatore Tarcisio Burgnich altro eroe dell’Inter, scomparso proprio in questi giorni.

Il sindaco Salvetti. Foto: Va.Cap.

“Questo evento – ha detto Salvetti davanti al pubblico – è il primo di due giornate che volevamo realizzare per ricordare le grandi figure di livornesi per ridare un’identità alla nostra città. Un appuntamento questo del ricordo di Armando Picchi che vogliamo ripetere anche nei prossimi anni con modalità da concordare”.

A contorno dello spettacolo, ieri partiva la prima programmazione di eventi in Fortezza Nuova, erano presenti vari stand gastronomici, alcuni dj set e una zona dedicata alla rievocazione storica. Unica nota dolente vari assembramenti di ragazzi, la mancata misurazione della temperatura all’ingresso della Fortezza, è stata misurata solo a chi accedeva all’area dello spettacolo, e l’assenza di forze dell’ordine per controllare la zona. Forse su questo serve qualche accortezza in più.

Le foto sono state scattate da Furio Pozzi

Il programma di oggi

Oggi, come accennato dal sindaco, è prevista un’altra giornata molto intensa dedicata al grande calciatore livornese:

– si parte alle ore 16,30 con la partita amichevole nel gabbione dei Bagni Fiume (viale Italia) a cui parteciperanno: il figlio Leo Picchi, Massimiliano Allegri, Igor Protti, Cristiano Lucarelli, il direttore del Goldoni Mario Menicagli, Alessandro Brucioni e Michele Crestacci (autori del monologo di ieri sera), il giornalista Alessandro Guarducci, Nicola Falleni (Direttore generale del Comune di Livorno), i calciatori Luca Mattei e Gerry Cavallo e il sindaco Luca Salvetti.

Giacomo Ciccio Valenti farà la cronaca della partita.
Le due squadre, che si formeranno direttamente prima della partita, indosseranno due tipologie di maglie a fondo bianco e fondo amaranto con raffigurata l’immagine di Armando Picchi.

– alle ore 18,00 talk show nel salone del ristorante dei Bagni Fiume. Moderatore: Fabrizio Pucci, giornalista. Al momento hanno dato la propria disponibilità: i figli Leo Picchi e Gianmarco Picchi, l’ex allenatore dell’Inter Massimo Moratti, Massimiliano Allegri, Giacomo (Ciccio) Valenti, i calciatori Igor Protti, Cristiano Lucarelli, Egidio Morbello, il sindaco Luca Salvetti, Alessandro Guarducci.

– prevista anche la presentazione da parte di Mario Menicagli del libro/monologo “Picchi” edito da Sillabe;
proiezione del docufilm “Armando Picchi, diario di bordo del capitano” prodotto da MaGa Production – Thalia con la collaborazione dell’associazione culturale Extra. Sarà presente il regista Massimo Ferrari.

La giornalista Maria Antonietta Schiavina curatrice del docufilm invierà un videosaluto, durante il quale darà una notizia in anteprima.
Interverranno giornalisti sportivi delle più importanti testate locali e nazionali.

Nel salone ristorante dei Bagni Fiume, dove si svolgerà il talk, saranno esposte fotografie di Armando Picchi di proprietà degli archivi storici del Comune di Livorno. Una delle foto ritrae Armando Picchi con il compagno di squadra Tarcisio Burgnich, deceduto la notte scorsa in seguito ad una lunga malattia.

L’evento è necessariamente a numero chiuso e su invito, nel rispetto delle normative anticovid, ma la città potrà seguire l’iniziativa in diretta online sulla pagina facebook di Urban Livorno.

Modifiche alla viabilità

Per motivi di sicurezza il controviale compreso tra il numero civico 92 e l’ingresso dei Bagni Fiume sarà interdetto al transito dalle ore 15,00 alle ore 18,00 e sarà attivato il divieto di sosta sul viale Italia nello stesso tratto del controviale dalle ore 14,00 alle ore 22,00.

© Vietata la riproduzione

2 Comments

    • Grazie. Cogliamo l’occasione per ringraziare ancora una volta il fotografo Furio Pozzi per il prezioso aiuto e per la professionalità.

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*