Omaggio a Giorgio Gaber al Teatro Vertigo

In scena stasera alle ore 21.30 e domani pomeriggio alle 17.30

Share

LIVORNO – Un Gaber disseppelito, stanato dalle tarme e dall’oblio, e se è possibile reso contemporaneo. “Il caso di Alessandro e di Maria”, in scena stasera, sabato 27 alle 21,30 e domani, domenica 28, alle 17,30 al teatro Vertigo (via del Pallone 2), è il racconto di una singolare storia d’amore apparentemente fallita, presentato da Giorgio Gaber con Mariangela Melato nell’82 e subito archiviato: chissà perché.

Una coproduzione Vertigoteatro e L’altra metà della mela che vede gli attori, Alessio Pianigiani e Alessia D’Alessandro, per la regia di Alessio Pianigiani con Cristina Argenti al violino, infilarsi nei panni di un testo forse non del tutto risolto ma ancora pungente, un “j’accuse” contro il libertinismo ottuso e la banalizzazione dei sentimenti. Un testo che dopo un quarto di secolo ha ancora il sapore di una caparbia difesa della singolarità dell’uomo e della donna.

Dialoghi che affrontano due temi cari a Gaber: i bambini e l’universo femminile. Il monologo sull’infanzia del personaggio di Alessandro: “Una civiltà che dice a un bambino: c’è rimasto male, poverino, dovrebbe essere rasa al suolo”. Così come quello di Maria sull’inafferrabilità del mistero femminile, che l’uomo cerca sempre di possedere.

Nei giorni dello spettacolo (27-28 gennaio) in cui si omaggia e si festeggia il compleanno di Gaber (25 gennaio) verrà allestita in teatro una personale dell’artista livornese Francesco Tonarini che ha curato e disegnato anche la locandina dello spettacolo. Le scenografie vantano un’altra grande collaborazione artistica perché sono a cura del pittore livornese Maurizio Biagini. Le luci e le musiche a cura di Maurizio Carzoli e Valerio Poli.  Allo spettacolo ha collaborato il circolo “L. Norfini” di Salviano

Per info e prenotazioni 0586210120.

A cura della redazione

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*