Musicisti e acrobati in scena sulla barca a vela per l’ultimo giorno di Con-fusione

Protagonista la Compagnia Sea Bemolle

La Compagnia Sea Bemolle
Share

Pubblicato ore 07:00

LIVORNO – Ad aprire l’ultimo giorno di Festival è la compagnia francese Cie Une Autre Carmen che in Fortezza Nuova (palco piccolo) presenta alle ore 10 “Rouge” (a seguire laboratorio per famiglie – massimo 20 partecipanti).

Il colore rosso dipana il suo filo e trasporta in un universo pittorico e lirico. Un personaggio stravagante manipola pennelli, vernice, pezzi di stracci, una borsa con geometrie variabili, mollette, lettere. Dipinge di rosso, canta di rosso, inventa il rosso. Emerge un’aria d’opera, è Carmen, canta il rosso della passione e dell’amore. Ma il colore rosso può vivere da solo? Il colore verde dà il via a questa armonia. Rosso e verde che sicuramente non hanno nulla in comune si scontrano, si incontrano, si amano e si fanno a pezzi. La storia raccontata la paura dell’Ignoto, il rifiuto, il confronto, l’incontro, la relazione, l’odio, l’amore.

“Rouge” di Cie Une Autre Carmen

Alle ore 18:30 presso Andana delle Ancore si terrà “Allegro andante con moto ondoso” della Compagnia Sea Bemolle (evento gratuito). Luogo dell’evento sarà una barca a vela di nome “Nuages”. Sea Bemolle è un collettivo di musicisti e artisti che si sposta per il Mediterraneo navigando e realizzando concerti e spettacoli adatti a qualsiasi tipo pubblico nei porti e nei luoghi in cui approda. In questo spettacolo ai musici si affiancano gli acrobati aerei: l’armo della barca diventa la struttura per il trapezio, la corda molle si erge come unica e regina tra le cime, i tessuti sono appesi a 13 metri di altezza e la scenografia è unica e mutevole: il mare. Si compone così una narrativa musicale che tesse immagini di alto contenuto poetico dove non si fanno attendere suspense e risate.

A chiudere il Festival, alle ore 21:15 presso Fortezza Nuova (Palco piccolo) sarà “Una storia disegnata nell’aria, per raccontare Rita che sfidò la mafia con Paolo Borsellino” della Compagnia Non Solo Teatro. È la storia di Rita Atria, la più giovane testimone di giustizia in Italia. Il primo marzo 2017 la Camera del Parlamento Italiano ha istituito all’unanimità, per il 21 marzo, la Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie. Un motivo di soddisfazione per Libera, che fin dal 21 marzo 1996 ha creduto nell’importanza di una memoria condivisa, viva, che ricordasse tutte le vittime nelle loro pari dignità, a prescindere dai ruoli svolti.

Informazioni e biglietti

I biglietti possono essere prenotati sul sito del Festival e potranno essere pagati e ritirati direttamente sul luogo dello spettacolo a partire dall’ora precedente l’inizio dello spettacolo. Prenotazione obbligatoria.
Informazioni: 3278844341.
Costo: 3 euro singolo biglietto, 10 euro carnet da 5 biglietti.

Per accedere agli spettacoli sarà necessario esibire il Green Pass o un test molecolare o antigenico negativo effettuato nelle 48 ore precedenti lo spettacolo o il certificato di guarigione da Covid-19.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*