“Elvira povera donna”, monologo e musica per celebrare Puccini

Gli amori e e la musica raccontati dalla voce narrante di Fulvio Venturi

elvira povera donna evento con fulvio venturi dedicato a Puccini
Giacomo Puccini
Share

LIVORNO – Per celebrare i 95 anni dalla morte di Giacomo Puccini avvenuta a Bruxelles il 29 novembre del 1924 il Museo di Storia Naturale di via Roma 234 ospita la pièce “Elvira povera donna” di Fulvio Venturi. L’evento fa parte del cartellone di “Musica in Villa”, organizzato da Amici del Museo di Storia Naturale, il Museo di Storia Naturale, la Società corale “Pietro Mascagni” e il Circolo musicale Amici dell’Opera Galliano Masini.

elvira povera donna
Fulvio Venturi sarà la voce recitante di Giacomo Puccini

La pièce è costruita in forma di monologo, con la narrazione di Puccini che si alterna con la sua musica, in sottofondo, i temi che caratterizzano le opere del musicista lucchese.

Il testo è di Fulvio Venturi, ma Giacomo Puccini è in scena a parlare con estrema sincerità. La musica e i suoi amori sono il centro della narrazione, dagli esordi milanesi al tempo della Scapigliatura alla estrema, incompiuta Turandot, in un arco di circa cinquanta anni. Poi il rapporto complicatissimo con la moglie Elvira, costruito sull’attrazione e sulla passione, su sentimenti ineluttabili che portarono la donna ad abbandonare il precedente matrimonio, ma che fu inframmezzato dai continui tradimenti di lui, dalla gelosia, persino da avvenimenti tragici. Ma il rapporto con la moglie si dimostrò alla fine indissolubile, come testimonia l’ultima frase, “Elvira povera
donna”, che Puccini scrisse su un foglio poche ore prima di morire e che dà titolo al lavoro di Venturi.

Partecipa alla serata il soprano Rosa Perez Suarez che farà ascoltare ben nove delle arie pucciniane più amate come “In quelle trine morbide” da Manon Lescaut, “Sì mi chiamano Mimì” da La Bohème, “Un bel dì
vedremo” da Madama Butterfly e “Vissi d’Arte” da Tosca, e più rare come alcune pagine da Le Villi e Edgar. Al pianoforte il maestro Flavio Fiorini.

Ingresso 10 euro. Prenotazioni al 0586266711-266734 oppure musmed@provincia.it.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*