Debussy, Bach e Brahms protagonisti della rassegna “Musica in Villa”

Primo appuntamento con la flautista Koukou Ge

Share

LIVORNO – Torna da questa domenica fino ad aprile la rassegna concertistica “Musica in Villa. Inverno e primavera musicale”, edizione 2020, organizzata dall’associazione culturale ConcertArti sotto l’egida della Provincia, con il patrocinio del Comune e con il sostegno della Sezione Soci Unicoop Tirreno di Livorno.

Koukou Ge

Quattro date, sempre la domenica alle ore 16.30, con l’intento di favorire la diffusione della musica classica. Il primo incontro è per domani, 9 febbraio, con la sezione dedicata ai “Giovani Interpreti”. Sarà presente la flautista ventenne Koukou Ge che, iniziato a 12 anni lo studio della musica, dal 2014 ha intrapreso il percorso in entrambi gli strumenti al Conservatorio G. Puccini di La Spezia, conseguendo nel 2019 la laurea di 1° livello in flauto con 110 e lode e diversi premi in concorsi internazionali per entrambi gli strumenti. Koukou eseguirà repertorio solistico di epoche diverse con brani di Bach, Händel, Giuliani, Debussy, Haydn e Dussek.
Dove: Villa del Presidente, in Via Marradi 116.

I successivi appuntamenti

Domenica 1 marzo,ore 16.30, l’Open Ensemble, composto da Gloria Merani e Renata Sfriso al violino, Riccardo Masi alla viola, Giovanni Bacchelli al violoncello e Daniele Fredianelli al pianoforte, riproporrà i “Capolavori per quintetto” di R. Schumann e di J. Brahms. Si tratta di una replica del concerto dello scorso novembre che risponde anche alle richieste da parte di chi non aveva trovato posti disponibili in sala e che rappresenta un’ulteriore occasione per ascoltare due vertici assoluti del camerismo tedesco.
Dove: Villa del Presidente, in Via Marradi 116.

Domenica 29 marzo,ore 16.30, ancora l’Open Ensemble questa volta in trio, con Riccardo Masi alla viola, Giovanni Bacchelli al violoncello e Daniele Fredianelli al pianoforte, offrirà un programma interamente “Dedicato a Johannes Brahms”, di cui saranno protagonisti i colori centrali e scuri della viola e del violoncello insieme al pianoforte nelle Sonate op. 38 e op. 120. Concluderà il concerto il Trio op.114 nella rara versione, prevista dall’autore stesso, con la viola in sostituzione del clarinetto.
Dove: Villa del Presidente, in Via Marradi 116.

Domenica 19 aprile, ore 16.30, alla sala del Mare del Museo del Mediterraneo a Villa Henderson (via Roma, 234), Francesco Landucci, polistrumentista, ricercatore e fondatore di “Archeologia sonora sperimentale” proporrà con “il suono ritrovato”, uno straordinario ed inconsueto percorso storico e improvvisativo con antichi strumenti etruschi ed etnici di diverse aree geografiche.

Tutti gli eventi sono a offerta libera.
Per maggiori informazioni e prenotazioni riferirsi ai recapiti del museo del Mediterraneo di via Roma: 0586266711 – 0586266734 – musmed@provincia.livorno.it o a quelli dell’Associazione: 3339354568 – concertarti@gmail.com

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*