Concerto di Capodanno al Goldoni, una tradizione tra musica e bellezza

Tante le arie conosciute e di notevole importanza

orchestra istituto mascagni
L'Orchestra Mascagni al Teatro Goldoni per il Concerto di Capodanno 2018. Foto: Trifiletti/Bizzi
Share
  • di Valeria Cappelletti

LIVORNO – Sul bel Danubio Blu di Johann Strauss figlio, Il sogno dal Guglielmo Ratcliff di Pietro Mascagni, L’Intermezzo da Cavalleria Rusticana, Tu che m’hai preso il cuor da Il Paese del sorriso, sono solo alcuni dei brani che compongono il programma della 15esima edizione del Concerto di Capodanno, appuntamento ormai tradizionale che si svolge il primo di gennaio al Teatro Goldoni alle ore 18.

 

Il concerto vede la collaborazione tra Fondazione Livorno, Coservatorio Pietro Mascagni e Fondazione Teatro Goldoni. Sul palco l’Orchestra del Conservatorio Mascagni con i giovani musicisti che potranno suonare in uno dei luoghi più prestigiosi della cultura livornese, insieme al soprano ed ex allieva del Conservatorio Francesca Maionchi e al tenore Leonardo Gramegna. A dirigere Lorenzo Sbaffi.

La prima parte

La prima parte del programma avrà come protagonista l’Orchestra dei fiati del Mascani che proporrà un repertorio meno conosciuto ma altrettanto bello: la vivace Globe and Eagle (1879) una delle 132 marce dell’americano John Philip Sousa. Seguirà la Second Suite for band, Latino Mexicana, pagina di festosa allegria di Alfred Reed e poi il Tango-Saragossa Serenade che darà una lettura della danza argentina più sognante; si prosegue con Paso Doble, A la Corrida che chiude la Suite. L’Orchestra propone Sousedská in fa maggiore Tempo di minuetto dalle Danze slave opera 47 del 1879 di Antonin Dvořák e Furiant in sol maggiore.

La seconda parte

La seconda parte sarà caratterizzata da un repertorio classico con Sul Bel Danubio Blu di Strauss figlio, alternato ad arie e duetti celebri come Mein Lippen, sie kussen so heiss (Le mie labbra ti baciano, così calde), ultimo lavoro di Franz Lehár, interpretato dal soprano Francesca Maionchi, seguirà il tenore Leonardo Gramegna con Granada di Augustìn Lara e poi Il sogno dal Guglielmo Ratcliff di Pietro Mascagni, L’Intermezzo da Cavalleria Rusticana, Tu che m’hai preso il cuor da Il Paese del sorriso. Infine saluto al pubblico con il Brindisi della Traviata di Giuseppe Verdi con Francesca Maionchi e Leonardo Gramegna.

L’Orchestra

Flauti: Eleonora Lucci, Shideh Massai, Chiara Brugnoni, Iacopo Fallani, Sofia Pieraccini, Giulia Scalsini.
Oboi: Federico D’Alesio, Jessica Spinelli.
Clarinetti: Cecilia Bianchi, Federico Aringhieri, Emanuele Perna, Leonardo Evangelisti, Leonardo Giuntoli, Nicola Merli, Francesca Turini, Marco Venturi.
Fagotti: Danilo Squillace, Filippo Perri.
Corni: Simone Orsini, Francesco Petrillo, Daniele Cofano, Elisa Del Pero, Andrea Menicucci, Giulio Carlo Ryan.
Trombe: Tiziano Puntoni, Matilde Gori, Enrico Casini, Nicola castellcci, Alessandro Fuoco, Giulio Mari, Gabriele Quirino.
Tromboni e Tuba: Manuel Signorini, Edoardo Baldini, Carmelo Santalucia, Nicola Pelli.
Percussioni: Federico Bertini, Francesco Bertoli, Gabriele Ciangherotti, Marco Pardini, Marco Restivo, Altea Silvestri.
Sassofoni: Fabio Allori, Federico Amadei, Ilaria Cascinelli, Roberto Fiorini, Filippo Ghezzi, Vanessa Guadagno, Elena Losco, Lorenzo Simoni, Benedetto Vettori.
Violini I: Matteo Lo Bracco, Arianna Argentieri, Emanuele Benassi, Marta Boschis, Hannah-Ruth Devine, Enrico Giovannini, Asia Guarguaglini, Laura Picchi, Nocolò Roffi, Ester Saccenti, Jacopo Ventura.
Violini II: Ilaria Da Dio, Carlo Andrea Berti, Emma Di Pascoli, Anna gregoriani, Amanda Longarini, Irene Manetti, Irene Moncini, Sofia Moretti, Lorenza Sabatini, Benedetta Servino.
Viole: Matteo Tripodi, Marta Degl’Innocenti, Asita Fathi, Ilaria Ferrucci, Sara Moretti, André Pisani.
Violoncelli: Leonardo Giovannini, Giada Campanelli, Giulia Casini, lavinia Golfarini, Elisabetta Mannini, Sirya Marino.
Contrabbassi: Simone Dei, Vittorio Cirasaro, Jacopo Fusario, Michele Roffi, Amedeo Verniani.
Arpa: Elena Castini.

Programma

John Philip Sousa: Globe and eagle
Alfred Reed: Second Suite for Band (Latino-Mexicano)
Antonin Dvořák: Slavonic Dances op. 46 n. 4 – n. 8 , op 72 n. 2

**********

Johann Strauss figlio: Sul bel Danubio Blu
Franz Lehàr: Meine Lippen, Sie Kussen So heis (da Giuditta) con Francesca Maionchi, soprano
AugustÌn Lara: Granada con Leonardo Gramegna, tenore
Pietro Mascagni: Il sogno – Intermezzo a Guglielmo Ratcliff
Franz Lehár: Tace il labbro da La vedova allegra con Francesca Maionchi, Leonardo Gramegna, tenore
Tu che m’hai preso il cuor da Il paese del sorriso con Francesca Maionchi, Leonardo Gramegna
Pietro Mascagni: La cavalleria rusticana
Giuseppe Verdi: Bridisi da La Traviata con Francesca Maionchi, Leonardo Gramegna

Biglietti

Il costo del biglietto è di 10 euro in vendita presso il botteghino del Goldoni il martedì e giovedì ore 10-13; il mercoledì, venerdì e sabato ore 16.30-19.30. Martedì 24 e martedì 31 ore 10-13, venerdì 27 e sabato 28 ore 16.30-19.30; 1 gennaio dalle 16.30. Informazioni: 0586204290.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*