Bobo Rondelli incanta Shangay tra risate e malinconia

Via Turati colma di livornesi

Bobo Rondelli durante Scenari di Quartiere
  • di Valeria Cappelletti

LIVORNO – Bobo Rondelli ha regalato al pubblico di questo primo appuntamento di Scenari di Quartiere una serata di grande intensità musicale e umana (guarda la video intervista a Rondelli sulla pagina Facebook di Livornosera ).

Tantissimi i livornesi che hanno riempito via Turati e il cortile vicino, nel quartiere Shangay, tanto caro al cantautore livornese. Rondelli ha incantano con la sua grande sensibilità e ironia, alternando brani tratti dal suo libro “Cosa hai da guardare“, da poco uscito nelle librerie, ad alcune delle sue più belle canzoni.

Accompagnato dalla sua chitarra, dal violino e dalla tastiera, ha esordito leggendo il primo brano del suo lavoro letterario imitando il conte Mascetti, personaggio della serie di film “Amici Miei” e interpretato da Ugo Tognazzi.

Occhiali inforcati sul naso, chitarra sotto braccio, Rondelli ha letto stralci che raccontano della sua infanzia e degli amici, molto toccante la parte dedicata alla madre morente, alle molestie che subì appena 13enne sul posto di lavoro.

Molti brani scelti, da “Mia dolce anima” al brano dedicato alla mamma Nara, da “Bella Livorno” ad “Hawaii da Shangai“. Il pubblico gradisce e applaude, si riconosce nei brani, nella Livorno che dice Rondelli: “Accoglie tutti. Il livornese è cittadino del mondo. Si può dire che è una città decaduta ma non decadente, di larghe vedute e di strettezze mentali”.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*