“Memoria fotografica”, mostra e convengo per il recupero dell’archivio Dainelli

Un ricco partimonio che è stato danneggiato dall'alluvione del 2017

memoria fotografica è un progetto che mira al recupero del materiale del fotografo livornse Daniele Dainelli danneggiato durante l'alluvione del 2017
Da sx: Messina, Bertelli, Dainelli, Bovani, Vianelli, Picollo, Laura Lezza e Michele Lezza

LIVORNO – “Memoria Fotografica: storia di un recupero collettivo” è il titolo di un progetto che ha l’obiettivo di recuperare e di mettere in sicurezza il materiale fotografico dell’archivio del fotografo livornese Daniele Dainelli danneggiato durante l’alluvione che colpì la nostra città nel settembre 2017.

Workshop

Daniele Dainelli

Sabato 11 maggio, la Biblioteca Labronica Bottini dell’Olio, ospiterà l’evento, a ingresso libero, che illustrerà i risultati di un progetto di ricerca finanziato dalla Regione Toscana riguardante i danni subiti dal corpus fotografico del fotoreporter livornese di fama internazionale, che vive in Giappone e lavora in Cina.

Si tratta di un workshop dal titolo “Contributi per la definizione di una metodologia di recupero di materiale fotografico” organizzato dall’Istituto di Fisica applicata “Nello Carrara” del CNR di Firenze e dall’Opificio delle Pietre Dure di Firenze in collaborazione con la Coop Itinera Progetti e Ricerche di Livorno.

“L’archivio, un pezzo di patrimonio rappresentativo della produzione artistica e culturale contemporanea che origina dal territorio livornese – ha detto Dainelli – comprende classi diverse di materiale fotografico (negativi colore, diapositive colore, stampe a sviluppo cromogeno e inkjet) ed è stato gravemente compromesso dall’alluvione. Nonostante il primo intervento di urgenza eseguito sul corpus dell’archivio nei giorni successivi all’inondazione, il materiale versa attualmente in uno stato di conservazione molto critico che, in assenza di un intervento mirato, può comprometterne definitivamente la fruibilità. È quindi evidente la necessità di un piano strutturato per il recupero e la restituzione della leggibilità del materiale, e per la sua conservazione a lungo termine, sia al fine di garantire nuovamente la fruibilità sia per prevenire l’avanzare di processi di degrado ormai innescati dall’esposizione alle condizioni estreme dell’alluvione”.

Il convegno cercherà di evidenziare, a livello scientifico, come recuperare l’archivio, in quanto patrimonio personale e collettivo, e si concentrerà sul patrimonio analogico.

La mostra

Una foto danneggiata dell’archivio Dainelli

Sempre sabato alle 18.30, inaugurazione della mostra “Memoria Fotografica: storia di un recupero collettivo”, che sarà aperta fino al 30 giugno 2019, con ingresso libero e sarà dedicata al recupero della memoria fotografica danneggiata durante l’alluvione.

“Per quanto riguarda la mostra, invece mi sono confrontato con il mio passato, i miei inizi; spero non emerga solo un aspetto negativo, ma anche un segnale di speranza, per dare continuità e considerare che un cambiamento non è solo negativo. Nella mostra io cerco di evidenziare qualcosa che va al di là della fotografia ed è il supporto, che in quanto materia ha una sua vita e si trasforma”.

Il programma

-ore 9 con il workshop “Contributi per la definizione di una metodologia di recupero di materiale fotografico”: I° parte con Marcello Picollo (IFAC-CNR) in veste di moderatore e gli interventi dei seguenti relatori: Anne Cartier-Bresson (INP), Barbara Cattaneo (OPD), Simona Cicala (SABAP-BA) e Giulia Fraticelli (Restauratrice
indipendente);

Una foto danneggiata dell’archivio Dainelli

-ore 11.15 via alla II° parte con Barbara Cattaneo (OPD) in qualità di moderatrice degli interventi di: Rodorico Giorgi (UniFI), Isetta Tosini (OPD), Giorgio Trumpy (Università Zurich) e Marcello Picollo (IFAC-CNR);

-ore 12:40 considerazioni finali;

-ore 15.00 seminario “Memoria Fotografica: storia di un recupero collettivo”, moderato dalla Coop Itinera. Questi i relatori: Cristina Luschi (Responsabile Sistema Bibliotecario e Spettacolo Comune di Livorno), Laura Lezza (fotografa Getty Images), Barbara Caranza, Pietro Livi e Massimo Montanari di Chief onlus (Cultural Heritage
International Emergency Force – Bologna), Giulia Fraticelli (Restauratrice), Marcello Picollo (IFAC-CNR);

-ore 16.50, i contributi per approfondimenti di: Michele Lezza (Associazione 8mmezzo), Emanuela Sesti (Archivio Alinari) e Michele Smargiassi (giornalista de La Repubblica);

ore 18 “L’immagine ferita”: Renata Ferri (photoeditor di Io Donna) dialoga con il fotografo Daniele Dainelli;

ore 18:30 inaugurazione della mostra ed evento espositivo Archivio Fotografico Daniele Dainelli.

Informazioni

Coop Itinera: 0586894563 – 3394175103.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*