Livorno sarà sede di un festival di musica sacra barocca

Evento ideato da Federico Maria Sardelli e Roberto Sbolci

Federico Maria Sardelli
Share

Pubblicato ore 12:00

LIVORNO – L’autunno porterà nella nostra città la prima edizione del Festival di musica sacra barocca, ideato da Federico Maria Sardelli, con la presenza di musicisti di altissimo livello.

Sardelli, che è direttore d’orchestra, musicista e musicologo, ha infatti presentato in Comune il progetto di un festival tematico, predisposto insieme a Roberto Sbolci, musicista, direttore artistico Hortus Harmonicus, per approfondire proprio nella sua città un momento della cultura musicale italiana che in tutta Europa è estremamente seguita ed apprezzata.

Perché proprio a Livorno? Lo ha spiegato lo stesso Sardelli: il movimento barocco si afferma nel XVII secolo e Livorno proprio il 19 marzo 1606 viene elevata al rango di città con la nomina del gonfaloniere e la consegna del “capperuccio” da parte del Granduca Ferdinando I de’ Medici. La Livorno del Seicento e Settecento è stata una perla nel Mediterraneo, era una città mercantile viva e operosa, Vivaldi vi rappresentava le sue opere, Goldoni vi soggiornava e vi ha anche ambientato “Le smanie per la villeggiatura”. Se n’è perso il ricordo ma qui sono nati e vissuti notevoli compositori. Da qui l’idea di una rassegna musicale che porti a Livorno i capolavori dei giganti della musica sacra da Vivaldi, a Lully a Händel, associandoli alla riscoperta dei compositori barocchi livornesi: Stuck, Carbonelli, Campioni e altri.

La prima edizione del festival si articolerà in un ventaglio di 5 spettacoli di altissima qualità musicale. La musica sacra, espressione più alta e raffinata della produzione d’ogni compositore, permette di spaziare fra voci soliste, coro e strumenti in una grande varietà di forme e colori.

I luoghi prescelti per il Festival sono luoghi particolarmente significativi della storia di Livorno: il Santuario di Montenero, la Cattedrale, la Chiesa di San Ferdinando, il Teatro Goldoni.

© Vietata la riproduzione