Livorno ospita “Medì”: due giorni di incontri dedicati alla pace tra i popoli

Evento organizzato dalla Comunità di Sant'Egidio

memoria
Anna Ajello della Comunità di Sant'Egidio. Foto: Valeria Cappelletti
Share

Pubblicato ore 16:00

LIVORNO – Giunta alla decima edizione torna a Livorno “Medì. Le città del Mediterraneo. Un mare agitato dalla storia”, è una due giorni di incontri internazionali che avrà al centro i temi della pace, della memoria, del disarmo, la voce delle donne. “Medì” si svolgerà domani 8 marzo al Teatro Goldoni e il 9 marzo alla Goldonetta.

La rassegna di incontri di studi e tavole rotonde, ingresso libero e gratuito, è promossa dalla Comunità di Sant’Egidio in compartecipazione con il Comune di Livorno, il patrocinio della Regione Toscana, in collaborazione con la Diocesi, Istoreco e le istituzioni culturali cittadine.

Si inizia venerdì 8 marzo, alle ore 17, al Goldoni con la cerimonia di apertura, gli indirizzi di saluto di Simone Giusti, vescovo di Livorno, Eugenio Giani, Presidente della Regione Toscana, Luca Salvetti, Sindaco di Livorno e la relazione introduttiva di Andrea Riccardi, storico e fondatore della Comunità di Sant’Egidio.

A seguire i tre panel di approfondimento: “La memoria edifica la città” e, nella mattinata di sabato, “Le donne nelle città del Mediterraneo” e “Scrivere la città”.

Politologi, giornalisti, professionisti ricercatori di Barcellona, Marsiglia, Genova, Cagliari, Napoli, Palermo, Catania, Siracusa, Trieste, Salonicco, Smirne, Istanbul, Beirut, Haifa, Tel Aviv, Alessandria, Tunisi, Tangeri, Malta, Lesbo, Lampedusa da oltre dieci anni si riuniscono a Livorno, a dispetto delle spinte divisive che le investono.

“Lo spirito di Medì è quello di un confronto internazionale per lo sviluppo delle relazioni tra le città del Mediterraneo, un’alternativa alla logica, se così si può chiamare, dello scontro. Non rassegnarsi alla guerra. Piuttosto aprire spazi alla mediazione, processi di pacificazione”, dice Anna Ajello, responsabile della Comunità di sant’Egidio di Livorno.

In occasione di “Medì” al Teatro Goldoni sarà allestita la mostra fotografica “Il Porto delle Donne. Le donne nel settore portuale e marittimo, perché no?” realizzata dall’Amministrazione comunale in collaborazione con l’Associazione Internazionale RETE, l’Università di Pisa e il CNR Iris

Informazioni e prenotazione posti: santegidiolivorno@gmail.com.

Programma

Venerdì 8 marzo
Teatro Goldoni
I sessione – ore 17 cerimonia inaugurale

Indirizzi di saluto
Mons. Simone Giusti Vescovo di Livorno;
Eugenio Giani Presidente della Regione Toscana;
Luca Salvetti Sindaco di Livorno.
Relazione Storica: Andrea Riccardi Storico e Fondatore della Comunità di Sant’Egidio

II sessione

“La memoria edifica la città”
ISTANBUL • Cengiz Aktar, politologo
TUNISI • Nadia Marzouki, politologa
MARSIGLIA • Pascal Luongo, avvocato
ALESSANDRIA • Ahmed Maher, ingegnere
BARCELLONA • Jaume Muñoz Jofre, storico

Sabato 9 marzo
Teatro La Goldonetta

III sessione – ore 9.30

Indirizzi di saluto
“Le donne nelle città del Mediterraneo”
VENTIMIGLIA • Delia Buonomo, Caffè Hobbit;
LESBO • Philippa Kempson, Hope Project;
TANGERI • Helena Maleno, ricercatrice sociale;
MALTA • Corinne Vella, giornalista;
LIVORNO • Barbara Bonciani, sociologa.

IV sessione – ore 11

“Scrivere la città”
TRIESTE • Pietro Spirito, giornalista;
POLA • Tatjana Gromača, scrittrice;
TUNISI • Chiraz Gafsia, architetto;
LIVORNO • Marco Gasperetti, giornalista.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*