Il Little Bit Festival entra nel vivo

Un fine settimana dedicato al teatro contemporaneo

Share
LIVORNO- Dopo il grande successo di apertura al Teatro Goldoni con Familie Floz in Hotel Paradiso che ha riscontrato praticamente il tutto esaurito entra nel vivo il Little Bit Festival, saranno davvero tanti  i nomi in calendario a partire dai protagonisti di questa settimana che si aprirà questa sera alle ore 21 presso il Nuovo Teatro delle Commedie con “Sull’Oceano” di Michele Crestacci, autore dello spettacolo insieme ad Alessandro Brucioni che ha anche curato la regia dello spettacolo.  Il lavoro è tratto da un racconto di de Amicis che tratta il tema ancora attuale delle migrazioni. 

Alle ore 22.15 invece sarà il momento della compagnia padrona di casa, Pilar Ternera/NTC che debutterà con il suo nuovo spettacolo Scene di Libertà del tedesco Jan Friedrich, classe 1992, con la regia di Francesco Cortoni e con Giulia Gallone, Gloria Carovana, Marco Fiorentini, Giacomo Masoni e Saverio Ottino.

Il testo, per la prima volta messo in scena in Italia è stato tradotto da Serena Grazzini e Francesca Leotta in collaborazione con l’Università di Pisa, e segna l’inizio del lavoro della compagnia sulla nuova drammaturgia europea. Scene di liberà vuole essere, al netto di ogni retorica, una lucida testimonianza di una generazione di ventenni con un profondo bisogno d’amore e un forte senso di solitudine. Lo spettacolo sarà replicato sabato alle ore 21 15 e domenica alle ore 18.

A seguire l’appuntamento con musica e tecnologia dei Collision, Alessandro Baris e Leonello Tarabella.  Collisions è un utopia cibernetica divenuta realtà nel 2010 quando alla tecnologia interattiva per musica elettronica creata e performata da Leonello Tarabella  si è affiancato il drumming vivo e pulsante di Alessandro Baris. Il concerto dei Collisions illuminato dagli strumenti touchless di Tarabella che rilevano ed elaborano in tempo reale la gestualità delle mani,è in equilibrio fra le sonorità elettroniche e quelle acustiche.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*