L’Accademia degli Avvalorati ricorda Filippo Gragnani nel bicentenario della morte

Chitarrista livornese, compositore e insegnante di mandolino

filippo gragnani bicentenarioAccademia degli Avvalorati
Lo stemma dell'Accademia degli Avvalorati
Share

Pubblicato ore 12:00

LIVORNO – Oggi 28 luglio l’Associazione Accademia degli Avvalorati celebrerà il bicentenario della morte del livornese Filippo Gragnani chitarrista, compositore e insegnante di mandolino con due video musicali visibili sulla pagina facebook dell’Associazione Accademia degli Avvalorati.

Michele Greci eseguirà alcuni brani del compositore

Nel video il romano Michele Greci (concertista, docente di chitarra e liutaio) eseguirà, con la chitarra-Greci (di sua progettazione) l’Adagio tratto dalla Sonatina n° 1 opera n. 6 composta da Filippo Gragnani e il duo padovano composto da Emanuele Cappellotto al mandolino e dal chitarrista Nicola Mazzon che eseguiranno di Ferdinando Carulli, Tre Duetti op. 5 conosciuti anche come: Filippo Gragnani, Tre Duetti Notturni per mandolino e chitarra.

Grazie a Matteo Giunti, ricercatore ed esperto nel campo della genealogia delle famiglie livornesi, è stato possibile confermare la data e il luogo di nascita (Livorno, il 3 settembre 1768) e la data e il luogo di morte di Filippo Gragnani (Livorno, 28 luglio 1820). Mentre il Maestro Massimo Signorini per aver scoperto che Filippo Gragnani fu mandolinista e insegnante di mandolino e che a Livorno ci fosse una grande passione per questo strumento.

L’Associazione Accademia degli Avvalorati per questa occasione di ricorrenza del Bicentenario di Filippo Gragnani ha nominato suoi soci onorari sia il chitarrista Michele Greci (che si già si era è reso disponibile nel 2019 a celebrare l’indimenticabile concerto di Andrés Segovia alla Chiesa degli Olandesi), che il mandolinista Emanuele Cappellotto e il chitarrista Nicola Mazzon).

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*