L’Accademia degli Avvalorati inaugura la lapide di François Duquesnoy

Grande scultore detto "Il fiammingo"

Share

Pubblicato ore 07:00

LIVORNO – L’Accademia degli Avvalorati inaugura la lapide in onore del grande scultore François Duquesnoy detto “Il fiammingo” con la compartecipazione della Congregazione Olandese Alemanna e l’Associazione Livorno delle Nazioni. L’appuntamento è per questa mattina, 18 luglio, alle ore 12.15 in via della Madonna 26.

Il grande scultore François Duquesnoy detto “Il fiammingo” morì a Livorno il 18 luglio del 1643 e venne sepolto presso l’altare di Sant’Andrea della Nazione fiamminga-alemanna. La scoperta della data è stata fatta da Matteo Giunti, presidente di Livorno delle Nazioni.

L’edificio privato (di proprietà della famiglia Giuliani) che ospiterà la lapide in onore di Duquesnoy, fu già Chiesa dei Santi Cosma e Damiano e dal 1789 Uffizio della Posta delle Lettere. Oltre alle Autorità istituzionali e religiose parteciperà all’inaugurazione della lapide in onore di François Duquesnoy anche la Banda Città di Livorno che allieterà musicalmente tutti i presenti.

Con questo atto, l’Accademia degli Avvalorati va ad aggiungere un ulteriore tassello storico-artistico relativo alla consapevolezza dell’importanza della Città di Livorno che ha avuto nel suo prestigioso passato di Livorno Città Storica delle Nazioni. François Duquesnoy nacque a Bruxelles il 12 gennaio del 1597 e la sua fama internazionale è soprattutto legata alla realizzazione della mastodontica Statua del Sant’Andrea nel Gran San Pietro di Roma.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*