La storia di Livorno attraverso le targhe commemorative: l’Arena Alfieri

Il teatro, che era all'aperto, subì un grosso incendio

teatro arena alfieri targhe commemorative
La targa posta sul viale Carducci
Share

Pubblicato ore 14:00

LIVORNO – Tra le targhe commemorative ce n’è una sul viale Carducci che racconta della nascita nel 1841 di un teatro diurno e all’aperto che prese nome di Arena degli Acquedotti e si trovava sul viale degli Acquedotti (oggi viale Carducci), poi prese il nome di Arena Alfieri.

L’Arena Alfieri fu aperta al pubblico fino al 1857 anno in cui fu distrutta da un incendio che causò morti e feriti e poi ricostruita e riaperta nel 1959.

Nel libro di Alberto RazzautiLivorno vecchi pagine sparse” si parla di questa Arena nella quale: “Vi si davano drammi a lungo metraggio, quattro o cinque atti almeno (…). Più rari, ma non del tutto trascurati erano gli spettacoli lirici, uno dei quali vide debuttare, se non erro, appena ventenne, Titta Ruffo (baritono italiano, n.d.r.)”.

Molto bella la descrizione finale che Razzauti fa della conclusione degli spettacoli che terminavano al tramonto: “Il solingo viale degli Acquedotti si animava allora fugacemente di una piccola folla, mentre il rauco grido dei pavoni, dall’alto dei cedri del Parterre, salutava gli ultimi raggi di sole”. In questo luogo si legge nella targa: “Vi recitarono i più illustri attori drammatici”. La targa venne posta dal Comune di Livorno nel 1928.

© Vietata la riproduzione

2 Comments

  1. ottima iniziativa per conoscere la nostra città.
    ci sarà una targa che ricorda anche una donna o qualche azione delle donne?

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*