“La più bella del mondo”: il volto inedito dell’Amerigo Vespucci in oltre 50 fotografie

Dal 3 agosto al Museo della Città

Foto di Maki Galimberti
Share

Pubblicato ore 18:24

  • di Valeria Cappelletti

LIVORNO – Un Amerigo Vespucci come non l’avete mai visto. Una mostra innovativa, inedita come è stata definita dalla curatrice Carla Bardelli.

La più bella del mondo” emerge prepotente dagli scatti di due illustri fotografi: Maki Galimberti e Massimo Sestini e si racconta sulle pareti del Museo della Città (piazza del Luogo Pio).

Aprirà il 3 agosto giorno di inizio di Effetto Venezia, e rimarrà fino al 30 ottobre, la mostra dedicata al Vespucci, “al maschile – come si legge nella nota stampa – perché deriva dal prefisso R.L., Regio Legno”.

Questa mattina, 30 luglio, la presentazione alla Stampa con il giro in anteprima che ha svelato le bellezze di una mostra nata da due idee: quella di Carla Bardelli, livornese, che dopo molti anni passati lontana da Livorno ha deciso di “fare qualcosa per la città” e quella di Maki Galimberti fotografo delle star del cinema, dello sport e della letteratura che voleva fotografare personaggi che non fossero famosi. Bardelli propone quindi gli allievi ufficiali: “Cosa c’è di più bello e fotogenico di un ufficiale della Marina in divisa?”. A tutto ciò, poi, si è unito Massimo Sestini, fotografo ufficiale delle istituzioni militari italiane. A completare il gruppo, Alberto Pejrano, art director.

Due visioni diverse che si uniscono e danno vita alla mostra: gli scatti che ritraggono gli ufficiali, gli allevi dell’Accademia Navale, donne e uomini, in uniforme e la nave ritratta dall’acqua, da lontano, mentre viene illuminata dai raggi del sole o mentre si trova nel porto di Livorno con i colori della bandiera italiana durante la pandemia. Oltre 50 scatti che vanno a occupare anche intere pareti del Museo, e così il visitatore di trova davanti l’immensa Vespucci che solca il mare o il volto di una donna in uniforme.

“La mostra – ha detto Simone Lenzi, assessore alla cultura – segue quel filone che ha come obiettivo valorizzare ciò che ha reso Livorno grande nel mondo. Abbiamo iniziato con Modigliani, poi c’è il Mascagni Festival e adesso il Vespucci che unisce tutti e a cui i livornesi sono molto legati”.

Alla presentazione sono intervenuti anche i due fotografi e l’ammiraglio Flavio Biaggi, comandante dell’Accademia Navale.
La mostra si arricchisce di un bellissimo catalogo edito da Sillabe.

Il video racconto della mostra con l’intervista a Carla Bardelli.

Orari

Dal Martedì al Venerdì dalle ore 10,00 alle ore 20,00. Sabato e Domenica dalle ore 10,00 alle ore 22,00. Lunedì chiuso.

Biglietti

€ 5,00 intero; • € 3,00 ridotto; • € 8,00 cumulativo con visita mostra Gilardi (Sezione di Arte contemporanea del Museo della Città);
€ 10,00 cumulativo con visita mostra Gilardi (Sezione di Arte contemporanea del Museo della Città) e Museo Civico G. Fattori;
• Gratuito per gli Allievi Ufficiali e per gli Ufficiali dell’Accademia Navale di Livorno (dietro presentazione di tesserino di riconoscimento).

Informazioni

0586824551 – 0586824552 – museodellacitta@comune.livorno.it.

Curatrice

Carla Bardelli, livornese di origine e di cuore, ha passato 35 anni a Parigi, come corrispondente free lance di Panorama e di Vanity Fair. Tornata nella città che l’ha vista nascere ha voluto rendere omaggio al Vespucci, la cui immagine l’ha sempre accompagnata nel suo percorso di migrante, rendendola orgogliosa dell’appartenenza al popolo livornese.

 Massimo Sestini

World Press Photo 2015, nella sezione General News, ha lavorato con le più prestigiose riviste del mondo, da Time, a Le Monde. Collaboratore per le istituzioni militari italiane, ha fotografato il Vespucci da postazioni privilegiate, come gli elicotteri o gli aerei della Marina Militare italiana.

Maki Galimberti

Nel suo portfolio star del cinema, da Tony Servillo a Fiorello, ma anche celebrities a tutto campo, dallo sportalla letteratura. I suoi scatti dell’equipaggio del Vespucci, ne esaltano il ruolo e allo stesso tempo lo rendono forte e vulnerabile: molto umano insomma e soprattutto affascinante.

Alberto Pejrano

Alberto Pejrano, ex direttore artistico di Vanity Fair, Tu, ha lavorato per Panorama, Panorama Travel e Epoca, ha curato i contenuti artistici e tecnici della mostra, esaltando la bellezza delle foto, che ha saputo inserire nella splendida location del Museo della Città, diventato, attraverso il suo talento, uno scrigno naturale per incastonare il gioiello più prezioso: l’Amerigo Vespucci Museo della Città di Livorno.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*