“Incontro con l’Altro” un percorso breve di tre lezioni sul cinema

Le lezioni si terranno alle ore 17:30

su livorno
Le scuole Benci luogo del primo incontro di oggi pomeriggio

LIVORNO – A partire da  domani, martedì 27, “Città filosofica” avvia un percorso breve di tre lezioni sul cinema tenute dal docente Paolo Lago. Le lezioni si terranno alle ore 17:30 nella biblioteca della Scuola Antonio Benci di Livorno, in Via Bernardina n° 35, al p. II. Il ciclo si intitola “Incontro con l’Altro” e riguarda la rappresentazione del Diverso, e dell’incontro con esso.

Il programma completo è questo: Martedì 27 febbraio, ore 17:30: “Nosferatu, il principe della notte di Werner Herzog (1979), con Klaus Kinski, Isabelle Adjani, Bruno Ganz; Martedì 27 marzo, ore 17:30 – “The elephant man” di David Lynch (1980) con Anthony Hopkins, John Hurt, Anne Bancroft, John Gielgud, Wendy Hiller, Freddie Jones; Giovedì 19 aprile, ore 17:30 “Nostalghia” di Andrej Tarkovskij (1983) con Oleg Jankovskij, Erland Josephson, Domiziana Giordano, Delia Boccardo.

Tre film significativi quasi coevi: “Nosferatu”, “The Elephant Man”, “Nostalghia”. In essi il Diverso è oggetto di un incontro conturbante per lo sguardo del protagonista e degli stessi spettatori: in Nosferatu, del regista tedesco Werner Herzog, il vampiro è tratteggiato come un emarginato dal connubio degli uomini, disperato e bisognoso di amore; il suo arrivo determinerà un attacco al cuore dell’Occidente e della coscienza borghese.

“The elephant man”, il film di David Lynch rappresenta il Diverso connotato da caratteristiche fisiche ‘mostruose’ ed è oggetto dello sguardo vampirizzante degli scienziati, della buona società e della crudeltà burlesca del popolo.

“Nostalghia”, di Andrej Tarkovskij, infine, rappresenta l’incontro col folle emarginato ‘esiliato’ dalla società dei benpensanti. L’unico che potrà avvicinarlo e comprenderlo sarà il poeta russo, divorato dalla nostalgia e dall’esilio dalla sua terra, specchio dello stesso regista.

L’iniziativa è riservata ai soci. Per partecipare è possibile iscriversi al momento.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*