Il soprano Lucia Stanescu riceve il premio “Livorno al Centro”

Nell'estate 2018 non poté ritirarlo per problemi di salute

lucia stanescu riceve la medaglia per il festival livorno al centro
Lucia Stanescu insieme a Paloscia, Della Ragione, Lenzi e Belais

LIVORNO – Un grande soprano di fama internazionale che dagli anni ’70 ha scelto Livorno come città di adozione, a lei, Lucia Stanescu, 93 anni, è stato consegnato il riconoscimento del Festival Livorno al Centro che non aveva potuto ritirare nell’estate 2018 per problemi di salute. A consegnare il premio nella sua abitazione di Quercianella sono stati l’ex assessore alla cultura Francesco Belais, l’attuale assessore alla cultura Simone Lenzi, il direttore artistico della stagione lirica del Teatro Goldoni Alberto Paloscia e Riccardo Della Ragione, direttore del Festival Livorno al Centro.

La medaglia consegnanta a Sanescu ha come motivazione: “aver valorizzato e promosso con la propria attività l’identità livornese”. “Cosa c’è di più bello se non vedere un’artista di fama internazionale che pur avendo avuto la possibilità di scegliere di vivere in qualsiasi città del mondo, ha scelto di diventare livornese? – ha detto Della Ragione – Così come fu per la premiazione data a Lindsay Kemp nel 2017, è stato un grande orgoglio premiare il soprano Lucia Stanescu, un artista di livello internazionale che con la propria grandezza ha esaltato il piacere di appartenere alla nostra città così ricca di talenti e bellezze”.

Il soprano ha interpretato Madama Butterfly, l’eroina pucciniana, nel 1971 e 1974 al Goldoni e al Festival Puccini di Torre del Lago, ma anche nella prestigiosa sede del Bolshoi di Mosca. Sempre al Teatro Goldoni la ricordiamo quale Tosca (1971 e 1973), Aida (1972), Santuzza in Cavalleria rusticana (1975) e Mimì in Bohème
(1976); nel 1979 fu Manon Lescaut alla Gran Guardia.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*