Il simbolismo nordico da Rops a Toorop alla Pinacoteca Servolini

Evento collaterale della mostra “L’incanto di Medusa. Charles Doudelet"

pinacoteca servolini
Félicien Rops, Pornokratès, 1878
Share

COLLESALVETTI – Prosegue oggi, 20 febbraio, alle ore 17, alla Pinacoteca Comunale Carlo Servolini (Collesalvetti, via Umberto I, n. 63) il calendario culturale “Italia-Belgio 1900. La rivelazione dell’ignoto”, promosso dal Comune di Collesalvetti.

Al centro di questo nuovo incontro dal titolo “Da Rops a Toorop: tutta la grafica belga e neerlandese più amata in Italia” verranno ripercorse le principali tappe del cruciale fenomeno della partecipazione dei più accreditati protagonisti del Simbolismo nordico alle Biennali di Venezia, nonché la loro diffusa fortuna bibliografica sulle principali riviste dell’epoca. A curare la conferenza sarà Fabrizio Pizzanelli, incisore e collezionista.
Il belga Félicien Joseph Victor Rops e l’olandese Jan Toorop sono stati due pittori vissuti tra Ottocento e Novecento.

Il calendario culturale è ideato e curato da Francesca Cagianellie rappresenta un evento collaterale della mostra “L’incanto di Medusa. Charles Doudelet, il più geniale interprete di Maeterlinck tra il Belgio e la Toscana” (fino al 12 marzo 2020, tutti i giovedì, ore 15.30-18,30).

Ingresso libero.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*