I tanti volti di Laura Curino nello spettacolo di Camillo Olivetti

Questa sera nuovo appuntamento con Mario Perrotta

L'attrice Laura Curino. Foto: C. Foschi
Share

Pubblicato ore 07:00

  • di Valeria Cappelletti

LIVORNO – Piccola tregua dal maltempo che ieri sera, 26 settembre, ha permesso a Scenari di Quartiere di riprendere con lo spettacolo dedicato a Camillo Olivetti, il primo ad aver fondato l’azienda per la realizzazione di macchine per scrivere.

Sul palco, nella bella ambientazione della pista da pattinaggio del Parco Pertini, l’attrice torinese Laura Curino. Alle 19.15 circa si sono accese le luci di scena e Laura è salita sul palco facendo una riflessione sulle regole anti-Covid 19: “Basta indossare la mascherina e lavarsi le mani – ha detto al pubblico presente – se lo facciamo tutti è più semplice e ne usciamo prima e possiamo tornare a fare teatro, intanto però sono molto contenta di essere qui, in questo luogo splendido con tanto pubblico”.

Grande interpretazione quella dell’attrice torinese che non solo ha indossato i panni delle due figure femminili più importanti per la vita di Camillo Olivetti: la madre Elvira Sacerdoti e la moglie Luisa Revel. Due donne, provenienti entrambe da una cultura di minoranza (ebrea la prima, valdese la seconda) che sono state le protagoniste silenziose della formazione e della realizzazione del sogno olivettiano. Laura ha anche dato voce e corpo a tanti altri personaggi: allo stesso Camillo, ai lavoratori della fabbrica di Olivetti, modificando tono, dialetto ed espressività.

“Sono figlia di lavoratori Fiat – ha detto sul palco – così come tutti i compagni di classe, ma noi volevamo che i nosti genitori lavorassero alla Olivetti”.

Una narrazione intesa, che ha ripercorso la vita del grande imprenditore, dalla nascita alla sua affermazione, passando per la vita dei figli in particolare di Adriano Olivetti. Durante lo spettacolo il pubblico ha assistito anche all’atterraggio e al decollo dell’elicottero Pegaso dato che nelle vicinanze si trova l’ospedale con l’area adibita al velivolo.

Tra lampi e tuoni la rappresentazione è proseguita e non sono mancati momenti divertenti che hanno fatto ridere il pubblico. Purtroppo la temperatura piuttosto fredda, anche a causa del vento, ha indotto alcuni spettatori a lasciare lo spettacolo prima della fine. Nonostante la minaccia della pioggia, Laura Curino ha portato a termine la sua rappresentazione tra gli applausi del pubblico.

La galleria fotografica è di Cecilia Foschi

  • Il pubblico. Foto: C. Foschi

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*