I Mayor vincono al Festival del Giullare. Giannini: “Momento magico”

Hanno ricevuto due riconoscimenti

incessante
"Incessante". Foto: Laura Sgherri

TRANI – La Compagnia dei Mayor Von Frinzius porta a casa due importanti riconoscimenti: ieri sera a Trani (Puglia) ha vinto il premio 2018 come miglior spettacolo nell’ambito del Festival del Giullare, un’importante manifestazione dedicata al teatro integrato, contro tutte le barriere; non solo ha ottenuto anche il premio del pubblico.

Ieri sera erano sei le opere in concorso, ma “Incessante, se credessi in un Dio” della Compagnia livornese guidata dal regista Lamberto Giannini è riuscita a ottenere il 90,5% dei voti. Un risultato questo che arriva dopo la vittoria del 2016 quando la Compagnia ricevette il medesimo riconoscimento con “Resistenti, vola pirata”.

“Per aver saputo toccare diversi registri, dal drammatico al grottesco passando per la satira, il nonsense, il rock e il puro divertimento, in un incontro dissacrante tra fisicità espressiva degli attori e cornice onirica della scena e in un riuscito lavoro di integrazione delle differenze, che anche attraverso il linguaggio coreutico supera in maniera eccellente ogni rischo di facile moralismo”, questa la motiviazione con cui la Compagnia ha vinto il premio come miglior spettacolo.

“Troppe cose da dire troppi grazie da mandare – ha scritto questa notte Lamberto Giannini sulla sua pagina Facebook – ma è stato un momento magico il più alto dei Mayor, 65 corpi stressati da un viaggio in bus di 12 ore, da una notte insonne, dal provare in un forno, e nel contempo sopportare le mie urla, dal dover superare problemi tecnici, e stasera tutti ad aspettare mie notizie (ero dilaniato dentro dall’idea di dover dare risposte deludenti). Hanno dato tutto e vincere è gratificante perché è un riconoscimento a tutto questo, ma diciamolo avevamo già vinto con il pubblico, non quello di casa, che solo al nostro spettacolo ha applaudito in piedi per cinque minuti, per le lacrime sul volto degli attori, ma sarebbe rimasto l’amaro in bocca, non era un festival facile è il festival più importante di teatro sociale e festeggiava il decennale e (hanno fatto le cose in grande), ma siamo riusciti a spaccare, ed oltre al primo premio anche quello del pubblico, meglio di così cosa ci può essere”. E Giannini conclude accennando già “al prossimo spettacolo”.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*