Grande successo per Vivicittà 2024: in 500 ai nastri di partenza

Soddisfazione da parte del presidente Uisp Bartolozzi

La partenza
Share

LIVORNO – La carica dei 500, anzi dei 518 per la precisione. Vivicittà 2024 è stata un’edizione davvero eccezionale.

La manifestazione podistica, che è stata organizzata in tutta Italia dalla Uisp, ha compiuto 39 anni, è stata festeggiata nel migliore dei modi a Livorno. La gara organizzata organizzata dal Comitato Terre Etrusco-Labroniche della Uisp insieme ad Atletica Amaranto, con il patrocinio del Comune di Livorno e dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale, ha visto al via 518 tra atleti e atlete, con 458 che hanno preso parte alla 10 km competitiva e 60 che si sono sfidati sul percorso non competitivo da 5 km.

Per quel che riguarda la gara, valevole anche come tappa del Criterium Podistico Toscano e del Giro Podistico delle Valli Etrusche, a tagliare il traguardo per primo è stato Ayoub Bouras (G.S. Maiano), che ha completato i 10 km in 30’32”. Al secondo posto Domenico Passuello (Asd Gruppo Sportivo Lucchese), che si è dovuto accontentare di questo piazzamento d’onore dopo la vittoria dello scorso anno. A completare il podio, terzo, ci ha pensato Andi Dibra (G.P. Parco Alpi Apuane).

L’arrivo di Ayoub Bouras

Tra le donne, invece, a vincere è stata Laura Pardini (Asd Atletica Amaranto), che ha chiuso la sua prova in 39’37”, appena 10 secondi più veloce della seconda classificata Anita Ghelardoni (Atl. Libertas Unicusano Livorno). Il terzo posto è stato appannaggio di Elena Konstantos (Sempredicorsa Asd).

L’arrivo di Laura Pardini

La giornata del Vivicittà 2024 si è poi conclusa con le premiazioni di rito. Tra i momenti più toccanti ed emozionanti la consegna della targa in memoria di Nicola Valtriani da parte della famiglia Valtriani al ragazzo e alla ragazza più giovani in gara.

«Ma non sono solo i numeri a testimoniare il successo del Vivicittà 2024 – ha commentato il presidente del Comitato Terre Etrusco-Labroniche della Uisp Daniele Bartolozzi – abbiamo percepito l’entusiasmo di tutti i presenti, che a più riprese hanno voluto trasmettere ringraziamenti per la giornata proposta. Ma gli applausi vanno ovviamente anche a tutte le altre società che hanno contribuito a rendere la 39esima edizione del Vivicittà un qualcosa che resterà a lungo nella mente e nel cuore di chi l’ha vissuta in prima persona”.

© Vietata la riproduzione