Giovanni Lomi, lo spettacolo al Premio Rotonda

Un viaggio interessante nella personalità di un grande pittore

consalvo noberini
Consalvo Noberini protagonista dello spettacolo
  • di Simone Fulciniti

LIVORNO – Il premio Rotonda omaggia Giovanni Lomi, e lo fa con piacevole intermezzo teatrale realizzato in collaborazione con lo Chalet (ove tra le altre cose, è situato il palcoscenico). Interpreti di questo breve dialogo (ispirato all’ultima intervista che l’artista rilasciò ad un giovane studioso), sono Michele Pierleoni (collaboratore anche per stesura dei testi) e Consalvo Noberini, che per una volta smette i panni del comico, regalando al folto pubblico un Lomi assolutamente credibile.

Un viaggio interessante tra le pieghe della personalità di un grande pittore, iniziato alla pratica dai preziosi consigli di Adolfo Tommasi. Affascinato dal progresso tecnologico (gli piaceva molto guidare la sua Ford, e scattare fotografie), seppe essere anche un buon cantante lirico.

Conobbe Beniamino Gigli, al quale regalò un quadro, che il celebre tenore conservò a lungo nella sua villa di Recanati, ed ebbe rapporti con un altro famoso concittadino Galliano Masini.

Il pubblico presente hanno avuto l’occasione di ascoltare una vecchia registrazione (la Gondola), rarissima (incisa da ‘La Voce del Padrone’, anno 1920) , in cui Lomi dimostra di avere una voce di tutto rispetto. Nei suoi quadri, oltre al mare, appare spesso la campagna: infatti, durante la guerra, con Livorno colpita dalle bombe, assieme alla moglie Rina, decise di ‘sfollare’: prima a Casciana e poi a Casciana Alta dove trovò un paesaggio ideale per esprimere il proprio talento.

Ed è proprio alla moglie, che lo spettacolo dedica la pagina più struggente: il ricordo della sua scomparsa, e il macigno della sua mancanza, lo accompagneranno per sempre, fino alla morte sopraggiunta nel 1969, esattamente cinquant’anni fa. Al termine applausi convinti per tutti, col nipote Massimo (curatore dell’evento), chiamato a grandi gesti sulla scena. Un bel momento di cultura labronica.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*