“Giorno della Memoria”: oltre un mese di eventi e incontri

Dal 15 gennaio fino al 22 febbraio

giorno della memoria
Share
  • di Valeria Cappelletti:

LIVORNO – “La nostra città, con la sua storia di accoglienza è riuscita a fare del Giorno della Memoria, oltre un mese di celebrazioni”, sono le parole di Francesco Belais, assessore alla cultura che ha espresso grande soddisfazione per le tante iniziative in programma per tutto il mese di gennaio e parte di febbraio, che intendono ricordare il 27 gennaio 1945. Livorno, così come moltissime altre città del mondo, celebrerà il Giorno della Memoria, la data in cui le truppe sovietiche dell’Armata Rossa arrivarono ad Auschwitz e fecero la terribile scoperta del campo di concentramento liberandone i superstiti.

Saranno molti gli appuntamenti in programma, principalmente legati al mondo della scuola: mostre fotografiche, proiezione di film, presentazioni di libri, dibattiti e spettacoli che vedranno la collaborazione del Comune, dell’Istoreco, dell’Associazione Cassiodoro, di ANPPIA, del Cinema Kinoglaz, della Comuncità di Sant’Egidio, del Centro Donna, della Comunità Ebraica. “Vorrei sottolineare l’importanza del coinvolgimento di tanti soggetti e associazioni diverse – ha detto Carla Roncaglia, presidente di Istoreco – con l’obiettivo comune di rivolgersi a più cittadini di tutte le età, in particolare ai giovani che ancora devono formarsi”.

Tra gli appuntamenti principali in programma citiamo in primo luogo quello del 27 gennaio, molto importante: in occasione proprio del Giorno della Memoria il Teatro Goldoni ospiterà un evento, dalle 20.30 alle 22.30, dal titolo “Senza ghetto, storie tra libertà e persecuzione” che vedrà la diretta radiofonica di RaiRadio3 condotta dal direttore Mario Sinibaldi. Una serata ricca di riflessioni, letture, momenti musicali con i canti intonati dal Coro “Ernesto Ventura” della Comunità Ebraica livornese diretto dal Maestro Paolo Filidei e con la partecipazione di testimoni diretti: Aldo Liscia, Pierina Rossi, Edi Bueno, Gabriele Bedarida, Vittorio Mosseri, presidente della Comunità ebraica livornese, gli storici Gabriella Puntoni, Catia Sonetti, direttrice di Istoreco, Lucia Frattarelli Fischer,il linguista Fabrizio Fraceschini e dell’attore Enrico Martino. Ingresso libero fino a esaurimento dei posti.

Ricordiamo anche l’evento di lunedì 15 gennaio, con cui si aprirà ufficialemnte il calendario di iniziative, e che vede una lezione sulle leggi razziali a cura della Comunità di Sant’Egidio rivolta alle classi delle scuole elementari Benci, in occasione degli 80 anni dalla proclamazione delle leggi emanate nel 1938 e rivolte principalemnte alle persone di religione ebraica.

Mercoledì 17 gennaio sarà dedicata al Genocidio Armeno con una mostra fotografica destinata a tutti i cittadini con inaugurazione alle ore 17 presso la Chiesa degli Armeni (via della Madonna) visitabile gratuitamente fino al 19 febbraio con orario dal lunedì al sabato dalle 9 alle 13. Sempre alle 17 presso la Sala Ablondi, in via delle Galere, si terrà un incontro rivolto all’intera cittadinanza sul medesimo argomento. Lo stesso giorno, ma la mattina alle 9, il Cinema 4 Mori proietterà il film “La masseria delle allodole” dei fratelli Taviani, dedicato alle scuole, con la presenza in sala dell’autrice del libro da cui è tratta la pellicola, Antonia Arslan insieme a Vittorio Robiati Bendaud e a Siobhan Nash Marshall, docente di filologia e teologia degli USA.

Il 23 gennaio si terrà alle ore 11.15 la tradizionale Marcia della Memoria della deportazione degli Ebrei di Livorno con il corteo che partirà da piazza del Municipio fino a piazza Benamozegh con una sosta alle pietre d’inciampo, in particolare alla nuova collocazione in via Cassuto della pietra dedicata a Matilde Beniacar.

Il 25 gennaio e il primo febbraio saranno dedicati a due proiezioni: “Il viaggio di Fanny” rivolta agli studenti alle 10.30 presso il Centro Artistico il Grattacielo con incontri e testimonianze sul tema; “Concorrenza sleale” di Ettore Scola al Nuovo Teatro delle Commedie, la mattina per gli studenti (ore 10) e la sera, ore 21, per la cittadinanza.

Lunedì 29 gennaio alle ore 9.30 al Cimitero Ebraico (via Don Aldo Mei) deposizione della corona e omaggio alle vittime della Shoa (l’iniziativa è promossa dal Comune di Livorno). Alle ore 10.30 cerimonia in Prefettura con i saluti delle autorità e a seguire esibizioni musicali, lettura di brani e riflessioni degli studenti.

Per consultare tutti gli eventi in programma clicca qui.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*