I Giardini della Nazione Olandese-Alemanna a Livorno

L'inaugurazione  si terrà sabato 23 settembre  alle ore 11,00

olandese alemanna
Share

LIVORNO – La storia  dei due cimiteri della Nazione Olandese-Alemanna persenti in città, verrà approfondita  attraverso la mostra “Aldilà della memoria. I  Giardini  della Nazione Olandese-Alemanna a Livorno”, in programma nei giorni 23-24 settembre. L’inaugurazione si terrà sabato 23 settembre alle ore 11,00, presso la sede del cimitero in via Mastacchi.

Questa possibilità di visitare il luogo è stata data dall’Archivio di Stato di Livorno, in collaborazione con la Congregazione Olandese-Alemanna di Livorno, nell’ambito del progetto MIBACT relativo alle Giornate Europee del Patrimonio 2017.  Ubicato  sulla via Mastacchi, nella zona Nord di Livorno, il Giardino degli Olandesi fu costruito nel 1840 quando furono trasferiti, per ordine del Granduca,  gli antichi cimiteri cattolici e acattolici fuori delle mura della città. Tale cimitero  costituisce una testimonianza  significativa, integrata in questa zona della città insieme ad altri cimiteri acattolici come quello dei Greci Ortodossi, Ebraico e Inglese, della  storia cosmopolita di Livorno. 

Le  vicende  dei cimiteri fiamminghi, così chiamati anche se vi erano sepolti protestanti di altre nazioni, sono indagate sotto diversi aspetti: sotto il profilo della storia della Nazione Olandese-Alemanna a Livorno dalla sua costituzione,  avvenuta nel 1622  in seguito alle Leggi Livornine, emanate dal Granduca Ferdinando I dei Medici nel 1593 per popolare la città e garantire l’insediamento e la libertà di culto.

La mostra sarà visitabile  dalle  9,00 alle 13,00 e dalle 14,00 alle 18,00

Nel giorni di apertura saranno effettuate visite guidate al cimitero a cura dell’Associazione Guide Labroniche con i seguenti orari: sabato 23 settembre alle ore 12,00 e alle ore 18,00;  domenica 24 settembre alle ore 15,30 e alle 16,30. Costo della visita: € 7,00 a persona, gratuita sotto i 13 anni. Durata della visita 1 ora. Massimo 30 persone per visita su prenotazione obbligatoria al 3490057410-3478019682.

A cura della redazione

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*