Gallina livornese, tutto pronto per il meeting e l’esposizione

Due giorni al Museo di Storia Naturale del Mediterraneo

meeting sulla gallina livornese

LIVORNO – Due giorni a ingresso libero dedicati alla gallina livornese, due giorni per conosce tutto il mondo che ruota attorno all’allevamento di questa specie con workshop, degustazioni, contest e curiosità.

È giunto alla terza edizione il meeting “Orgoglio e identità culturale della razza avicola Livorno” dedicato alla gallina livornese che si terrà presso il Museo di Storia Naturale del Mediterraneo (via Roma, 234) domani, sabato 24, e domenica 25 novembre.

La gallina livornese bianca è una delle razze più famose al mondo, ruspante e rustica, si è diffusa ovunque, soprattutto in America, depone una notevole quantità di uova all’anno, circa 300, ed è particolarmente pregiata. Ci sono club in tutto il mondo a lei dedicati come il Leghorn Club nato in Gran Bretagna nel 1876 o quello olandese.

L’evento dedicato alla gallina non comprende solo il meeting che si terrà domani, a partire dalle ore 9.30, ma anche la prima Esposizione Nazionale dedicata alla Gallina di razza livornese suddivisa in due giornate, sabato e domenica.

Il meeting e gli argomenti

Ma andiamo per ordine: il convegno prevede alle ore 9 l’intervento di Mario Lupi, responsabile relazioni istituzionali del CIRLiv (Comitato Italiano Razza Livorno) e di Giuseppe Chionetti segretario del CIRLiv, alle ore 10 l’apertura dei lavori con la direttrice del Museo Anna Roselli, seguiranno i risultati della prima esposizione nazionale dedicata alla gallina livornese con la classifica e le premiazioni.

Tanti gli argomenti affrontati nel corso della giornata che terminerà alle ore 17.30: l’educazione al cibo e l’educazione alla vita, del professore di filosofia estetica Nicola Perullo; il caso virtuoso nell’allevamento di qualità della razza Livorno di Giuseppe Chionetti; dall’uovo al pulcino e come gestire un allevamento amatoriale di galline livornesi di Margherita Marzoni Fecia di Cossato, ricercatrice del dipartimento di scienze veterinarie dell’Universià di Pisa; il blog sulle galline di Francesco Giubbilini e Barbara Sandri; le Gabbrigiane di Roberto Branchetti e Gabbrigiane del Parco Culturare di Camaiano.

Alle ore 12.15 chiusura dei lavori e apertura della prima esposizione nazionale di galline (dalle 12.30 alle ore 18.30), seguirà il contest “frittate d’autore” con degustazione di Vermentino a cura della FISAR Livono e assaggi e stuzzichini a basa di uova.

Dalle 15.30 alle 17.30 workshop per allevatori e interessati all’allevamento.

Domenica proseguirà l’esposizione delle galline dalle ore 9.30 alle 12.30.

Concerto

Ad arricchire la giornata il concerto dell’Open Ensemble in programma per le 17.30 nella Sala del Mare. Il gruppo, costituito da Daniele Fredianelli al pianoforte, Renata Sfriso al violino, Riccardo Masi alla viola, Giovanni Bacchelli al violoncello, festeggia dodici anni di amicizia e unione nella musica con due capolavori del repertorio per pianoforte ed archi.

Verranno eseguiti brani di Ludwig van Beethoven: il Quartetto in Mi bemolle maggiore op16 a, rielaborazione dall’autore stesso dell’omonimo Quintetto per pianoforte e fiati, splendida opera, espressione di un animo sereno, poetico e giocoso. Poi, di Robert Schumann, lo stupendo e appassionato Quartetto in Mi bemolle maggiore op 47, capolavoro indiscusso del Romanticismo musicale, dai forti contrasti tematici e dalla ricca corposità strumentale. Ingresso con offerta libera. Si consiglia la prenotazione tel. 0586 266711-34

Consulta il programma completo del convegno di sabato.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*