“From Medea”: 4 donne unite dal senso di colpa al Grattacielo

Uno spettacolo forte e carico di grande emotività

from medea
Share

LIVORNO – Quattro donne e un ospedale psichiatrico giudiziario: uno spettacolo forte, carico di grande emotività. È “From Medea“, testo di Grazia Verasani e regia di Andrea Iacoponi, sul palco del Centro Artistico Il Grattacielo la Compagnia Piccolo Teatro Città di Livorno in scena stasera, venerdì 9, il 10 e l’11 marzo, ore 21.15.

“Ci sono giorni calmi, qui, silenziosi, dove non ci diciamo niente. Lavoriamo, facciamo quello che ci dicono di fare, ma non riusciamo a parlarci. Siamo afone e dure, dei giorni, con le facce bianche dei sassi e la testa vuota. Ci passiamo vicino quasi con fastidio, con irritazione, coi cinque sensi smorti e una tempesta, dentro, che non esce mai”.

“From Medea” conduce lo spettatore tra le mura di un ospedale psichiatrico giudiziario facendogli conoscere il punto di vista di quattro donne unite da una comune mancanza di senso materno. Per quanto distanti, per esperienza e carattere, queste quattro donne vivono incastrate all’interno di una gabbia che è il senso di colpa, un vicolo cieco, un percorso lunghissimo che tende ad infinito nel quale il perdono verso se stesse non è mai lungo abbastanza. Conoscere le loro storie fa male e fa paura, ma è anche liberatorio “perché ti fanno capire che si può sbagliare e che nessuno è infallibile”.

Sul palco: Claudia Culzoni, Giovanna Gorelli, Martina Notari e Nara Biagiotti. Con la partecipazione di Edoardo Colombi Brivio, Francesco Matteucci e Marco Mastrosimone. Scenografia e costumi a cura di Francesca Mia Guarnieri.

Per informazioni o prenotazioni telefonare al numero 0586890093.

A cura della redazione

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*