Festival della Generatività, per guardare alle persone più fragili

Due giornate di incontri, laboratori e spettacoli

aiutare anziani caldo
  • di Gianluca Donati

LIVORNO – Due giorni di incontri, laboratori e spettacoli per riflettete su cosa voglia dire oggi far parte di una comunità e prendersi cura delle persone più fragili e svantaggiate.

Si chiama Festival della Generatività e si svolgerà al Museo di Storia Naturale del Mediterraneo, in Via Roma 234, nei giorni del 15 e del 16 novembre.

L’iniziativa è parte di un progetto più generale intitolato Livorno Generativa, che ha visto la luce circa un anno fa, quando alcune realtà del territorio (Fondazione Caritas Livorno, Fondazione Livorno, Arci, SVS, Misericordia di Montenero e Associazione Jonas), si sono incontrate sulla base del comune bisogno di un cambiamento culturale nel modo di pensare e praticare la solidarietà e hanno deciso di intraprendere un cammino collegiale di ricerca e di elaborazione.

Il programma

Il programma delle due giornate di novembre che saranno introdotte ciascuna da momenti artistici (un monologo sulle migrazioni realizzato da Arci e un breve preludio musicale a cura dell’Ensemble Bacchelli), prevede quattro lezioni affidate a personaggi di primo piano del panorama culturale e accademico italiano.

Interverranno: Stefania Guerra Lisi (psicopedagogista ideatrice del Metodo della Globalità dei Linguaggi), Adriano Fabris (filosofo e docente all’Università di Pisa), Mauro Magatti (sociologo ed economista, docente all’Università Cattolica del Sacro Cuore) e Vito Mancuso (teologo e scrittore). A queste si alterneranno momenti dedicati al confronto e alla partecipazione.

Giovedì 15 novembre si svolgeranno tre seminari a partire dalle ore 15: il primo dal titolo “Generatività ed economia” con Sabrina Arcuri dell’Università di Firenze, il secondo “Generatività e reti sociali” con Andrea Salvini dell’Università di Pisa e il terzo “Generatività e cura delle fragilità” con Monica Martinelli dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Il secondo giorno è prevista una sessione di discussione dedicata alle associazioni e alle realtà del terzo settore locale che prenderà le mosse dalla relazione sul percorso di ascolto svolto dagli organizzatori dell’evento. Il programma prevede inoltre uno spazio dedicato all’allestimento di “atelier sociali” che metteranno in esposizione e vendita prodotti realizzati da persone svantaggiate o fragili.

Il martirio di Monsignor Romero

La sera del 15 novembre, infine, andrà in scena alle 21 al Teatro Quattro Mori “Il martirio di Monsignor Romero”, spettacolo che Eleonora Zacchi ha tratto da un precedente testo del drammaturgo costaricano Samuel Rovinski.

La pièce racconta la vita e l’impegno di Oscar Romero, arcivescovo di San Salvator ucciso mentre stava celebrando la messa, per la sua opposizione alla dittatura militare e canonizzato lo scorso 14 ottobre da Papa Francesco.

Lo spettacolo costituisce l’evento principale delle celebrazioni promosse dalla Caritas di Livorno per la Giornata Mondiale dei Poveri 2018. Patrocinato dalla Regione Toscana, dalla provincia, dal Comune di Livorno e dall’Azienda USL Toscana Nord Ovest, il Festival della generatività può contare sul sostegno di una molteplicità di soggetti operativi sul territorio. Per partecipare è necessario iscriversi sul sito.

Livorno Generativa

Il progetto Livorno Generativa si è articolato su due binari paralleli: da una parte una riflessione in termini più generali intorno al concetto di “Generatività” come esempio di relazione, capace di valorizzare la libertà e i potenziali delle persone e promuovendone la crescita in termini di maggiore autonomia, responsabilità e capacità di partecipazione; dall’altra un percorso di ascolto del territorio e del mondo delle associazioni che lo animano alla ricerca di criticità e buone pratiche.

Rispetto a questo lavoro, il Festival costituisce sia un approdo temporaneo sia un nuovo inizio. Una presentazione degli esiti della prima fase e un momento di ulteriore coinvolgimento della città e di lancio di una nuova sfida per il futuro: i Cantieri della Generatività, laboratori permanenti d’innovazione sociale che saranno aperti entro la fine del 2018.

Guarda il programma completo del Festival della Generatività.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*