Esperimenti e robot: il liceo Cecioni porta la scienza a Porta a Mare

Presenti oltre 250 studenti

Foto di OsloMetX da Pixabay
Share

Pubblicato ore 14:00

LIVORNO – Esperimenti e robot: Porta a Mare diventa un laboratorio di scienza grazie all’iniziativa ideata dal Liceo Cecioni. Domani, 10 maggio, arriva “Livornoscienza“, giunta alla settima edizione, la manifestazione si terrà alle Officine Storiche di Porta a Mare.

Nel nuovo complesso commerciale oltre 250 studenti, dalle ore 10 alle 16, si alterneranno tra stand e banchi di lavoro con l’obiettivo di stupire i visitatori accompagnati dai “colleghi” della classi 2E dell’Istituto Comprensivo Carducci, 3A e 3B dell’Istituto comprensivo Micheli-Bolognesi e del gruppo STEM dell’Istituto Comprensivo Benci-Borsi.

Il ritorno di “Livornoscienza” si affianca a una serie di attività a carattere scientifico che stanno impegnando il Cecioni, dall’organizzazione sulla mostra sulle grandi scienziate del ‘900 al progetto Astrolab che ha visto coinvolti una ventina di studenti all’osservatorio astronomico di San Marcello Pistoiese. L’elenco delle attività proposte nella kermesse va dalla gara robotica all’utilizzo dei batteri come biosensori ecologici, dal teatro delle “Scoperte rubate” all’acqua scura-acqua chiara fino alle misure di radioattività.

“L’auspicio, e una nostra grande soddisfazione, sarebbe il riuscire a coinvolgere le famiglie degli studenti – spiega Paola Burani, coordinatrice del Dipartimento di scienze del Cecioni – creando quella partecipazione che abbatte le barriere”.

“Livornoscienza” si concluderà nella giornata di sabato 11 maggio alle ore 15, con l’avvio di una tavola rotonda sulla manifestazione in chiusura. Oltre ai vertici delle Officine del mare parteciperanno i dirigenti scolastici delle scuole coinvolte e le autorità. Poi, la parola passerà alle associazioni che tengono alto il nome della scienza nella nostra città per concludere con un intervento scherzoso da parte di Claudio Marmugi.

© Vietata la riproduzione