Effetto Venezia attraverso le immagini delle tre serate

La storia di questo fine settimana

Bobo Rondelli. Foto: F. Pozzi
Share

Pubblicato ore 11:23

  • di Valeria Cappelletti

LIVORNO – I primi tre giorni di Effetto Venezia sono trascorsi, è tempo di fare un primo bilancio: quello che è emerso da questa manifestazione molto diversa da come la conoscevamo è che i livornesi non si sono riversati nelle vie e nelle strade, nei tre giorni l’afflusso più sostanzioso di persone è stato il sabato 22 quando si sono notati anche alcuni assembramenti con giovani senza mascherina, in particolare nella zona di piazza del Luogo Pio. Altro dato che salta all’occhio è che gli spettacoli hanno fatto il tutto esaurito e che quindi c’è stata la voglia di tornare a respirare la cultura, di tornare a divertirsi, ridere ma anche riflettere.

Le regole anti Covid sono state seguite alla lettera dagli steward e guardie di sicurezza ai varchi e alle entrare degli spettacoli, ma non sempre dai cittadini, in molti casi anche in situazioni di assembramento, le mascherine sono rimaste abbassate o addirittura erano assenti.

Sono state 14 le piazze teatro di spettacoli, tra cui le quattro principali: piazza del Luogo Pio, piazza della Repubblica, piazza XX settembre, piazza Garibaldi e poi la Fortezza Nuova che ha ospitato e ospiterà anche il prossimo fine settimana con gli ultimi tre giorni di Effetto Venezia, il Deep Festival.

In questo articolo abbiamo deciso di inserire una sostanziosa galleria fotografica realizzata da Cecilia Foschi e Furio Pozzi che ci raccontano i momenti più belli di questi primi tre giorni di Effetto Venezia.

21 agosto

22 agosto

23 agosto

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*