Corteo storico, sbandieratori e musici: le iniziative per l’elevazione di Livorno a città

Il 20 in Duomo verrà riproposta la consegna del Capperuccio

Un gruppo di figuranti della Livornina in Fortezza Nuova. Foto: Fortezza Nuova
Share

Pubblicato ore 16:00

  • di Valeria Cappelletti

LIVORNO – Un viaggio indietro nel tempo di 416 anni, quando Livorno venne elevata a città. Il 19 marzo 1606 il Granduca Ferdinando I de’ Medici consegnò il Capperuccio a Bernadetto Borromei, con il quale divenne Gonfaloniere, ed elevò Livorno a città.

Sabato 19 e domenica 20 marzo il corteo storico La Livornina, insieme ad altre associazioni, darà vita a una serie di iniziative per ricordare quel giorno così importante.

Ci saranno i figuranti che, insieme a sindaco Salvetti e alle Cantine Remiere attraverseranno i fossi a bordo di barche storiche, fino a raggiungere la Fortezza Nuova. Ci saranno gli sbandieratori e i musici di Montopoli val d’Arno e il gruppo storico di Suvereto.

A presentare l’evento questa mattina, 16 marzo, oltre al sindaco, che il 19 marzo, durante il viaggio lungo i fossi, indosserà il Capperuccio (cioè la stola di velluto rosso con rifiniture in pelle bianca), c’erano Andrea Pannocchia, presidente dell’associazione La Livornina e la vicepresidente Daniela Bartolami (che noi abbiamo intervistato), Monica Bellandi presidente della Coppa Barontini, Dario Senz’acqua in rappresentanza delle Cantine Remiere e Mario Giusti dell’associazione culturale New Image.

Da sn: Senz’acqua, Giusti, Salvetti, Pannocchia e Bellandi

“Un evento molto importante – ha detto il sindaco – che si tiene in un momento particolare e che, anche se intendiamo puntare alla sobrietà, vogliamo celebrare perché fa parte della nostra storia. Speriamo in una partecipazione massiccia di livornesi e di molte persone da fuori”.

Molto importante per questa iniziativa in ricordo dell’elevazione di Livorno a città, è il legame tra le varie Cantine Remiere, compresa la Barontini che aprirà il corteo del 19 marzo su una barca d’epoca, e quella del Palio.

Inoltre, il 20 marzo, in Fortezza Nuova verrà allestita una mostra fotografica con 72 immagini realizzate all’associazione culturale New Image che ritraggono i figuranti della Livornina. Le fotografie saranno poi spostate presso la Biblioteca dei Bottini dell’Olio per la mostra del titolo “Il Seicento livornese, abiti nobiliari e popolari” che rimarrà fino al 24 aprile. Inaugurazione prevista l’1 aprile alle ore 17.

Modifiche alla viabilità

In occasione delle celebrazioni è stata emessa una ordinanza di divieto di transito (n.1610 del 15/03/2022) in scali delle Pietre, viale Avvalorati, piazza del Municipio, piazza Grande (limitatamente all’attraversamento del tratto posto a prolungamento di via Grande, per raggiungere il sagrato antistante la Cattedrale), domenica 20 marzo a partire dalle 9.30 per il tempo strettamente necessario al passaggio del corteo con suonatori e sbandieratori.

Il Programma

Sabato 19 marzo

Ore 16 Avvio del Corteo Storico della Livornina con il sindaco di Livorno Luca Salvetti che, con un corteo di soldati dell’epoca, verrà scortato presso la Cantina Barontini su una barca d’epoca. La barca del sindaco con due armigeri, avvierà il corteo sui fossi, transitando davanti ai vari punti di attracco delle Cantine Remiere, a partire dalla Cantina del Palio Marinaro. L’evento vede la collaborazione con le barche delle guide che normalmente accompagnano i turisti. Presenti le Associazioni Remiere, le barche che hanno aderito all’iniziativa e un corteo di Armigeri e Tamburini a piedi lungo i fossi.

Ore 18 Il corteo di barche, dopo un giro completo dei Fossi, attraccherà alla Fortezza Nuova alla Falsa Braga con un saluto dal piazzale esterno della Fortezza a tutta la città insieme a tutte le Cantine ed a tutti i protagonisti delle Vie d’Acqua.

Domenica 20 marzo

Ore 9.30 Partenza del corteo storico La Livornina a piedi dalla Fortezza Nuova verso piazza Grande.
Ore 9.45 Esibizione del gruppo di musici e sbandieratori di Montopoli Val D’Amo.
Ore 10 Ingresso di una rappresentanza del Corteo all’interno del Duomo.
Ore 10.30 Santa Messa officiata dal Vescovo Simone Giusti alla presenza delle autorità cittadine e regionali, al termine sarà messa in scena la cerimonia del “Capperuccio” con il quale Bernadetto Borromei verrà insignito dal Granduca Ferdinando I De’ Medici della carica di primo gonfaloniere togato.
Ore 11.15 Ritorno del corteo in Fortezza Nuova.
Ore 15 Esibizione del gruppo di sbandieratori in Fortezza Nuova.
Ore 16 Spettacolo di scherma a cura del gruppo storico di Suvereto “I Cavalieri di Ildebrandino” in Fortezza Nuova.
Durante l’intero pomeriggio, in Fortezza Nuova, sia La Livornina che i Cavalieri di Ildebrandino offriranno momenti di divulgazione storica e culturale ai visitatori.

Sarà aperta per tutto il giorno la Mostra fotografica dei “Costumi Storici della Livornina (area Ex Vorno)” in Fortezza Nuova in collaborazione con l’Associazione Culturale New lmages.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*