Conferenza su Duilio Cambellotti tra storia antica e illustrazione moderna

Geniale autodidatta della scena romana del primo Novecento

La Chimera sul Palazzo Grande a Livorno opera di Cambellotti
Share

COLLESALVETTI – Domani, giovedì 31 ottobre, la Pinacoteca Carlo Servolini (via Umberto I, 63) di Collesalvetti ospita la conferenza dedicata a un protagonista indiscusso del Novecento italiano: Duilio Cambellotti autore della Chimera che svetta sul retro del Palazzo Grande in piazza del Municipio a Livorno. La conferenza intitolata “Dalla storia antica all’illustrazione moderna: la passione “romana” di Duilio Cambellotti e la Leggenda di Tarpea” sarà tenuta da Silvia Panichi archeologa e storica dell’arte.

Mastodontico e geniale autodidatta della scena romana del primo Novecento, pittore, scultore, ceramista, cartellonista, xilografo, scenografo, architetto, decoratore, arredatore designer, Duilio Cambellotti (Roma, 1876-1960), appassionato di itinerari archeologici tra Atene e Costantinopoli, destinò la sua parabola creativa all’indissolubile binomio arte-artigianato, e collezionò vasellame sia etnico che archeologico, quale fonte di suggestione per la sua straordinaria produzione di buccheri.

Nei frangenti della realizzazione degli arredi e dei costumi per il film Gli ultimi giorni di Pompei di Mario Caserini e in coincidenza dell’ideazione delle scenografie per le rappresentazioni del Teatro Greco di Siracusa, l’artista, motivato da quella ritualità teatrale sancita dalla riforma di Richard Wagner e dal Teatro di Bayreuth, articolerà il suo immaginario archeologico in direzione di un linguaggio programmaticamente moderno, tra determinazione architettonica e sintesi arcaicizzanti.

In quest’ottica, dalle scenografie per Ifigenia in Tauride e le Trachinie (1933) a quelle per Edipo a Colono (1936) Cambellotti persegue l’obiettivo strategico della “scena-ambiente”, realizzata quest’ultima grazie all’applicazione del concetto di “arte totale”, e finalizzata alla comunicazione di miti e immagini-simbolo di regime universale.

Rivivono dunque grazie al contributo delle nuove tendenze della scenografia quelle Leggende Romane affidate dall’artista alla vigoria del segno xilografico, destinate a ridensificare di implicazioni simboliche l’epopea tragica e trionfale dei primi popoli del Lazio, e a restituire “l’energia spirituale del passato” attraverso la passionalità e l’universalità del dramma.

Informazioni: 0586980256 -0586980255 – pinacoteca@comune.collesalvetti.li.it.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*