Venezia 2018, vince “Roma” di Alfonso Cuarón

Nessun riconoscimento è andato a film italiani

roma
Alfonso Cuarón vince la 75esima edizione della Mostra del Cinema con "Roma"
  • di Valeria Cappelletti

VENEZIA – “Roma” di Alfonso Cuarón si aggiudica il Leone d’Oro come miglior film alla 75esima edizione della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia.

roma
Alfonso Cuarón e dietro Guillermo del Toro presidente giuria Venezia75

Il film, in bianco e nero ambientato in Messico negli anni ’70, racconta la storia di una domestica (Cleo) che lavora per una famiglia borghese nel quartiere Roma di Città del Messico. Contemporaneamente Cleo sogna la sua vita fatta di amicizie, del primo amore, di un figlio tutto suo. Sullo sfondo un paese che sta vivendo un momento fondamentale della sua storia.

Il premio a Cuarón è stato consegnato da Paolo Baratta, presidente della Biennale. Il regista greco di Roma ha detto davanti al pubblico: “Questo premio e questo Festival hanno una grande importanza per me. Questo film è il risultato dell’amore per la mia famiglia e per il mio paese, il Messico“.

Purtroppo nessun film italiano ha ottenuto riconoscimenti. Sono rimasti a bocca asciutta anche First Man con Rayn Gosling e Vox Lux con Natalie Portman.

Leoni d’argento

roma
Yorgos Lanthimos

Leone d’argento per la miglior regia a Jacques Audiard per The Sisters and Brothers. Leone d’argento per la miglior sceneggiatura a The Ballad of Buster Scruggs film western, regia dei fratelli Joel and Ethan Coen.

Il Leone d’argento Gran Premio della Giuria, presieduta da Guillermo Del Toro, è andato a The Favourite di Yorgos Lanthimos, film in costume ambientato nell’Inghilterra del 1700, che racconta gli intrighi alla corte della regina Anna.

Coppa Volpi

roma
William Dafoe

La Coppa Volpi per la miglior interpretazione maschile è andata a William Dafoe per il film At eternity’s gate dedicato agli ultimi anni di vita del pittore Vincent Van Gogh.

Mentre la Coppa per la miglior interpretazione femminile a Olivia Colman per The Favourite.

Il Premio Marcello Mastroianni per i giovani attori emergenti è andato a Baykali Ganambarr per The Nightingale, mentre il Premio Luigi De Laurentis miglior opera prima a The Day I Lost My Shadow di Soudade Kaadan.

Jennifer Kent

Riconoscimento speciale della giuria a The Nighingale di Jennifer Kent l’unica regista donna della sezione “in concorso” che ha detto: “La forza delle donne è la più potente di tutto il pianeta e sono sicura che vedremo sempre più donne in questo settore”.

Il film racconta la storia di Claire una giovane detenuta irlandese che attraversa la Tasmania per dare la caccia a un ufficiale inglese che ha ucciso il marito e il figlio della donna.

Gli altri premi

Nella sezione Orizzonti, giuria presieduta da Athina Tsangari:
– miglior film: Kraben Rahu (Manta Ray)
– miglior cortometraggio: Kado (Un dono) (A Gift) di Aditya Ahmad
– miglior sceneggiatura: Jinpa di Pema Tseden
– miglior interpretazione maschile: Kais Nashif per Tel Aviv On Fire
– miglior interpretazione femminile: Natasha Merkulova per Tchelovek kotorij udivil vseh (L’uomo che sorprese tutti)
– premio speciale: al film Anons (L’annuncio) (The Announcement) di Mahmut Fazil Coşkun
– miglior regista: Emir Baigazin per Ozen

Giuria dei classici:
Miglior Film Restaurato: La notte di San Lorenzo di Paolo e Vittorio Taviani
Miglior Documentario sul Cinema: The Great Buster: A celebration di Peter Bogdanovich

Venezia Realtà Virtuale:

Miglior VR – Spheres di Eliza McNitt
Migliore Esperienza VR – Buddy VR di Chuck Chae
Migliore Storia VR – L’Île des Morts di Benjamin Nuel

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*