Sguardi Liberati 2019, tutti i film della rassegna cinematografica

Dodici appuntamenti con tanti generi diversi

Sguardi liberati 2019 al via la nuova edizione dedicata ai film di niccha
  • di Valeria Cappelletti

LIVORNO – Bullismo e discriminazioni sessuali, documentari su registi e su band musicali storiche, film che trattano di mafia e di profughi, sono i temi al centro della rassegna “Sguardi Liberati” edizione 2019. Ideata dal Circolo del Cinema Kinoglaz, la rassegna che si concentra per lo più sulla proiezione di film in prima visione o di nicchia, partirà domenica 13 gennaio e proseguirà fino a maggio.

Bruciati, Lessi (Grattacielo), Gaimari (Kinoglaz)

Dodici titoli, suddivisi in tre diverse categorie: cinema e Italia, cinema al femminile, cinema e arte, a cui poi si aggiungono gli eventi speciali. I film saranno proiettati al Centro Artistico Il Grattacielo (via del Platano, 6) la domenica pomeriggio (ore 18) o il giovedì sera (ore 21.30).

“Sguardi Liberati raccoglie film che, per motivi di distribuzione o per mancanza di sale, non sono stati proiettati a Livorno – spiega Marco Bruciati, ideatore della rassegna – Sono tutte opere che abbiamo scelto con cura, vincitrici di premi importanti o che affrontano argomenti legati all’attualità”.

Profughi e ’68

Torna Sguardi Liberati 2019 con tante prime visioni. Primo appuntamento con Styx al Centro Artistico Il Grattacielo
Susanne Wolff è Rick, la protagonista di “Styx”

Ad aprire la rassegna domenica 13 gennaio ore 18 sarà proprio un film legato a vicende di attualità: si intitola “Styx” (Stige) (94 minuti), protagonista è una dottoressa del pronto soccorso (Susanne Wolff), amante della vela, che decide di intraprendere un viaggio nel Pacifico e, qui, in mezzo al mare si imbatte in peschereccio con a bordo dei profughi. Lei dovrà scegliere tra la sua coscienza e le guardie a terra che le impongono di non prendere i profughi a bordo. Il film è diretto da Wolfang Fischer.

Domenica 20 gennaio ore 18 sarà la volta di “Ora e sempre riprendiamoci la vita“, inserito nel ciclo di incontri di “Lezioni di Cinema“, in collaborazione con 50&più Università Livorno. Si tratta di un documentario, regia di Silvano Agosti (93 minuti), che racconta l’Italia negli anni che vanno dalla rivolta studentesca del 1968 alla morte di Aldo Moro nel 1978. Introduce Marco Bruciati. Musiche di Renzo Pacini e Scalinata Villa Mimbelli.

Criminali e omaggio a Monica Vitti

Febbraio si apre con “La terra dell’abbastanza” (96 minuti), domenica 3 ore 18, di Damiano D’Innocenzo e Fabio D’Innocenzo, con Andrea Carpenzano, Matteo Olivetti, Milena Mancini, Max Tortora, Luca Zingaretti. Due giovani romani investono un uomo con la loro auto. L’uomo è un pentito di un clan criminale della zona e i due ragazzi possono guadagnarsi la possibilità di entrare a farne parte. L’evento fa parte del ciclo cinema e Italia.

monica vitti
Monica Vitti in “La ragazza con la pistola”

Domenica 17 febbraio proiezione del film “La ragazza con la pistola” (1968) di Mario Monicelli con Monica Vitti e Carlo Giuffré. Anche questa pellicola fa parte della rassegna “Lezioni di Cinema”. Nel film Monica Vitti interpreta una ragazza siciliana che accetta di farsi rapire da un compaesano perché spera in un matrimonio riparatore, ma l’uomo fugge e lei lo insegue fino in Inghilterra armata di pistola per vendicare il suo onore. Introduzione Marco Bruciati e Anna Paola Spagnoli. Proiezione ore 18.

Bullismo, discriminazioni e mafia

Un’immagine tratta da “Zen”

Zen sul ghiaccio sottile” aprirà il mese di marzo, domenica 3 (ore 18). Film drammatico (87 minuti) regia di Margherita Ferri, che affronta il tema attualissimo del bullismo e delle discriminazioni di genere. Maia Zenasi è una ragazza di 16 anni ma lei si sente ragazzo, ama l’hockey ed è innamorata di Vanessa. Zen deve fare i conti con le vessazioni dei suoi compagni di scuola. La proiezione è in collaborazione con l’Associazione Evelina De Magistris che sta trattando per far intervenire la regista.

Domenica 10 marzo verrà proiettato “Sembra mio figlio” regia di Costanza Quatriglio (103 minuti). Il film racconta la storia di due fratelli migrati dall’Afghanistan all’Italia. Uno dei due cercherà di riallacciare i rapporti con la madre che si trova in Pakistan. Appuntamento ore 18.

Cambio di giorno e di orario. Giovedì 21 marzo ore 21.30, nella Giornata in memoria delle vittime di mafia, proiezione di “Prima che la notte” (120 minuti) di Daniele Vicari, in collaborazione con Libera. Il film racconta la vera storia del giornalista Pippo Fava che torna a Catania dopo una lunga assenza per aprire un giornale composto quasi completamente da giovani e che parli soprattutto di mafia.

Domenica 30 marzo si torna all’orario consueto, ore 18, per “Pagine nascoste” di Sabrina Varani. Un documentario (67 minuti) che racconta la storia di una scrittrice e sceneggiatrice che durante le sue ricerche per un nuovo romanzo, si imbatte in un articolo in cui il padre teorizzava la superiorità della razza ariana su quella africana, ha così inizio un viaggio che la condurrà in Etiopia per studiare i segni della guerra e dell’occupazione fascista. Interverrà la regista.

Horror e famiglia

l'esorcista
Linda Blair e il regista Friedkin

Aprile e maggio prevedono proiezioni il giovedì alle ore 21.30.

Il 4 aprile con “Wajib – invito al matrimonio” (in collaborazione con l’associazione Amicizia Italo Palestinese Onlus). Il film (durata 96 minuti), ha vinto al Festival Internazionale del cinema di Dubai come Miglior Film. La storia ruota attorno a un padre e un figlio e al loro complicato rapporto.

Giovedì 11 aprile “Friedkin uncut” (anteprima del FIPILI Horror Festival), regia di Francesco Zippel, nel cast anche Quentin Tarantino e Matthew McConaughey. Si tratta di un documentario di 107 minuti con interviste a registi e attori, che racconta la vita e le opere di William Friedkin, regista di Il braccio violento della legge e L’esorcista. Ore 21.30.

Musica e omaggio a Méliès

“Il viaggio nella luna”

Il 2 maggio proiezione del documentario “Gimme danger” (108 minuti) dedicato al gruppo americano The Stooges guidato dal frontman Iggy Pop. Regia di Jim Jarmusch. Ore 21.30.

A chiudere la rassegna “Sguardi Liberati 2019”, il 9 maggio ore 21.30, sarà una vera chicca, la proiezione di “Il viaggio nella luna” e “Ventimila leghe sotto i mari” di Georges Méliès con sonorizzazione dal vivo a cura di Claudio Laucci e Altea Silvestri.

Costi e info

Biglietto: 5 euro + 1 euro tessera Kinoglaz.
Info e prenotazioni: info@kinolgaz.info – 0586890093 dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 19.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*