Ciak Vintage. “Il ciclone”, risate in salsa toscana

È uno dei primi successi di Leonardo Pieraccioni

il ciclone
Share
  • di Niccolò Fallani:

Il ciclone” (1996) è uno dei primi successi di Leonardo Pieraccioni, che recita accanto a Massimo Ceccherini, Alessandro Haber, Lorena Forteza e Tosca D’Aquino.

Si svolge in una località imprecisata della regione Toscana. Qui abita Levante (interpretato da Pieraccioni), un giovane ragioniere, col padre Osvaldo, il fratello Libero (Massimo Ceccherini), che dipinge quadri con domande teologiche e la sorella lesbica Selvaggia, segretamente legata alla farmacista Isabella. Una sera, la normale routine quotidiana vien sconvolta da un evento. Caduto lungo la strada il cartello che indicava l’agriturismo “L’arcobaleno” e quindi non sapendo dove andare per passare la notte, un gruppo di ballerine di flamenco si ferma al casolare, portando scalpore, il segnale della televisione e del telefono fisso. Levante si innamora perdutamente di Caterina (Lorena Forteza), che però sta vivendo una storia burrascosa con un altro uomo ma, dopo varie vicissitudini, i due riescono a fidanzarsi. Il film termina con il ragioniere che continua il suo lavoro in Spagna, paese nel quale si rifà una vita accanto all’ex ballerina di flamenco, la donna perdutamente innamorata del bel toscanaccio disincantato dona all’uomo finanche un figlio, chiamato Gino in onore del nonno di lui.

Il film ha incassato complessivamente oltre 75 miliardi di lire nelle sale cinematografiche, record nella stagione cinematografica 1996/1997 ed ha vinto vari premi, soprattutto per la regia e l’interpretazione di Pieraccioni. Consiglio la visione (accompagnata da pop-corn e tanta voglia di ridere) a famiglie e coppie.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*