Cibo dall’Italia e dal mondo con Streetfood in Piazza XX Settembre

Saranno 17 gli chef presenti

LIVORNO – Da domani venerdì 25 a domenica 27 maggio in piazza XX Settembre torna dopo il successo dello scorso anno, lo streetfood con Food Truck  4Wheels, l’evento promosso dall’Associazione nazionale Streetfood, che quest’anno compie dieci anni di attività. La manifestazione , in collaborazione con CCN “Piazza XX Settembre e Dintorni” prevede tre giornate in piazza con tanti cibi di strada e musica dal vivo.

Saranno 17 gli chef di strada presenti: la Sicilia con le sue stigghiole, arancine, pane e panelle e pane ca’ meusa oltre a dolci come cannoli e cassatine, pasta di mandorle e pasta reale. Non mancheranno nemmeno olive all’ascolana, bombette di Alberobello, la piada romagnola cotta come tradizione vuole nel testo di argilla sulla brace, hamburger di Chianina con tanto di certificato di tracciabilità e certificazione IGP della carne. Inoltre la carne di suino Mora Romagnola cotta in stile U.S.A. a bassa temperatura con barbecue all’americana.

Ci saranno anche le arepas venezuelane garantite gluten free per chi soffre di intolleranza al glutine o di celiachia vera e propria. Dall’Emilia saranno presenti le eccellenze della cucina parmense come tortelli in brodo, torta fritta (pasta fritta) con salumi come strolghino, salame di felino, prosciutto di Parma e Fiocchetto o Culatello di Zibello Dop. Da Massa in Toscana arriverà una pizza particolare. Pasta fresca cucinata al momento on the road da Torino e fritto di pesce da Comacchio. Dalla Liguria primi piatti a base di cozze e sgabei dolci e salati. Infine sempre dalla Toscana una pasticceria artigianale.

Dall’estero: Asado argentino e paella valenciana con sangria. Per finire tutto sarà accompagnato da birra artigianale.

Sotto il marchio “4Wheels” sono stati selezionati alcuni dei cibi più famosi in Italia e nel mondo cucinati direttamente sui furgoni. Si tratta di un modo di interpretare in chiave moderna il cibo di strada, pur non perdendone i valori essenziali che sono poi quelli raccolti dal decalogo del cibo di strada che l’associazione porta avanti e con il quale

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*