Cambiamenti climatici, quattro seminari al Cisternino di Città

Il primo incontro sarà il 3 maggio

emergenze climatiche
Share

LIVORNO – Partirà il 3 maggio il primo dei quattro seminari dedicati al laboratorio urbano “Cambiamenti climatici e progetti di Resilienza urbana” organizzato dall’Istituto Nazionale di Urbanistica (Inu) e dal Comune di Livorno, in collaborazione con l’Ordine degli architetti, con lo scopo di prevenire e gestire attraverso la pianificazione urbanistica fenomeni come le frane, gli allagamenti, le tracimazioni.

Quello del 3 maggio sarà il seminario di apertura a cui seguiranno poi i tre “moduli”, l’11, il 17 e il 23 maggio. Luogo di svolgimento il Cisternino di piazza Guerrazzi, a partire dalle 15.15 e fino alle 19.

Al seminario di apertura, oltre al sindaco Filippo Nogarin e a Silvia Viviani presidente Inu, parteciperanno l’assessore all’Urbanistica Alessandro Aurigi, Franco Landini e Francesco Alberti di Inu Toscana, l’urbanista Francesco Musco, la vicepresidente dell’Ordine degli architetti della Provincia di Livorno Vittoria Ena, il presidente dell’Ordine regionale dei geologi Riccardo Martelli, il presidente provinciale dell’Ordine degli agronomi Andrea Costanzo, il dirigente del Dipartimento Politiche del Territorio del Comune Paolo Danti. Concluderà il segretario generale dell’Inu, Luigi Pingitore.

Agli appuntamenti formativi dell’11, del 17 e del 23 maggio si alterneranno esperti dell’Inu nei diversi e specifici campi che hanno a che vedere con la gestione dei cambiamenti climatici, la sostenibilità, la prevenzione dal rischio idrogeologico: Francesco Musco dell’Università Iuav di Venezia sull’adattamento climatico, con particolare attenzione ai contesti costieri, con un workshop operativo (11 maggio), Andrea Arcidiacono del Politecnico di Milano sulla gestione del suolo (17 maggio), Simona Tondelli dell’Università di Bologna sulla Valutazione ambientale strategica (17 maggio), Carlo Gasparrini dell’Università di Napoli sulle infrastrutture blu e verdi (23 maggio) e Francesco Alberti dell’Università di Firenze sulle diverse applicazioni della resilienza (23 maggio).

A cura della redazione

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*