Bologna. In mostra 120 scatti di Vivian Maier, fotografa ritrovata

Una delle artiste più famose, realizzò oltre 100mila immagini

vivian maier
Vivian Maier in uno dei suoi scatti

BOLOGNA – La città della Torre degli Asinelli rende omaggio a una delle fotografe più famose del novecento: Vivian Maier. Bambinaia e governante di professione, Maier, ha nutrito una grande passione per la fotografia e infatti nel corso della sua vita ha realizzato oltre centomila fotografie ma la sua fama è rimasta a lungo sconosciuta, finché nel 2007 John Maloof, non ha acquistato una scatola contenente una grande quantità di materiale appartenuto alla donna, ricostruendone la vita e dedicandole un documentario, da allora sono state realizzate moltissime mostre.

Delle centinaia di immagini scattate dall’artista americana, 120 sono esposte fino al 27 maggio a Palazzo Pallavicini (via San Felice 24) nella mostra “Vivian Maier – La fotografa ritrovata“, da visitare magari durante queste festività pasquali. L’esposizione offre un percorso attrverso varie sezioni tematiche che vanno dai ritratti, all’infanzia, alla vita di strada, in scatti sia in bianco e nero che a colori.

Orari di apertura: da giovedì a domenica dalle 11.00 alle 20.00. Aperture festività: 1 e 2 aprile, 25 aprile, 1 maggio. Chiuso il lunedì, martedì e mercoledì.
Biglietto: intero 13 euro, ridotto 11 euro (dai 6 ai 18 anni compresi, over 65, studenti universitari con tesserino, militari con tesserino, tessera coop, FIAF). Altre promozioni consultabili sul sito qui. La biglietteria chiude 1h prima (ore 19 ultimo ingresso).

Contatti: e-mail. info@palazzopallavicini.com, 3313471504.

A cura della redazione

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*