Avanspettacolo e vernacolo livornese: due serate da non perdere

Verrà premiato l'attore Marcello Marziali e ci sarà un omaggio a Sordi

Buonasera signorina compagnia lirica livornese
La Compagnia Lirica Livornese
Share

Pubblicato ore 16:00

LIVORNO – Avanspettacolo e vernacolo livornese: due appuntamenti da non perdere venerdì 7 e sabato 8 agosto. Si parte con “Polvere di stelle” il 7 alle ore 21.30, serata dedicata all’Avanspettacolo al Museo di Storia Naturale di Villa Henderson (via Roma, 234).

Bocci, Pacelli, Micheli

La serata, organizzata dalla Compagnia Lirica Livornese, in collaborazione con gli Amici del Museo, sarà dedicata al centenario della nascita del grande Alberto Sordi protagonista e regista del celebre film del 1973 “Polvere di stelle”, in cui si narra le vicende e le storie legate a questo tipo di spettacolo di cui lo stesso Sordi è stato attore nei primi anni di carriera.

La serata vedrà la partecipazione straordinaria della soubrette Cosetta Gigli grande interprete di questo genere di teatro direttamente dal celebre Bagaglino di Roma, tempio del Varietà italiano, insieme alla frizzante Paola Pacelli, al tenore Massimo Gentili, al comico Matteo Micheli e Franco Bocci, conoscitore ed estimatore di questo genere teatrale, che condurrà la serata tra aneddoti e storie che hanno caratterizzato l’Avanspettacolo nei numerosi teatri livornesi degli anni trenta. La direzione musicale al pianoforte sarà di Stefania Casu.

Cosetta Gigli

L’Avanspettacolo è un genere di spettacolo teatrale comico sviluppatosi in Italia fra gli anni trenta e gli anni cinquanta. Questo genere derivò storicamente dal Varietà per favorire i teatri che si convertivano alla più moderna realtà del cinematografo. Le compagnie di Varietà elaborarono cosi una forma di spettacolo abbreviato, che potesse intrattenere il pubblico in sala in attesa del film. L’Avanspettacolo fu in realtà un trampolino di lancio di molti grandi attori teatrali e cinematografici italiani tra cui Peppino De Filippo, Totò, Aldo Fabrizi, Lino Banfi e il grande Alberto Sordi.

Prenotazioni e biglietti

Posto unico numerato euro 10.
Prenotazione obbligatoria al 0586266711 oppure 0586266734 – email: musmed@provincia.livorno.it (giovedì 9-19, venerdì 9-13).
Gli spettacoli si svolgeranno all’ aperto nell’area del Parco Platani e nel rispetto delle disposizioni nazionali e regionali per il contenimento della pandemia da Covid.

Programma

Mi chiamano Gagà – Matteo Micheli
Lilly Kangy – Paola Pacelli
Ciccio Formaggio – Massimo Gentili
O surdato n’ammurato – Cosetta Gigli
Come son Nervoso – Franco Bocci
Ninì Tirabusciò – Paola Pacelli
Non ti scordar di me – Cosetta Gigli
Voglio vivere cosi – Massimo Gentili
Dove stà Zazà – Franco Bocci e Matteo Micheli
Carmencita – Paola Pacelli
Il Balbuziente – Matteo Micheli
Nun tuccammo sto tasto – Franco Bocci e Paola Pacelli
La canzone dell’amore – Massimo Gentili
Valzer di Frou Frou – Cosetta Gigli
Tu che mi hai preso il cuor – Massimo Gentili e Cosetta
Gigli
Gran Finale in passerella

Vernacolo livornese

Sabato 8 invece ci si sposta in Fortezza Vecchia con lo spettacolo di teatro comico – popolare dal titolo “Livornesi di scoglio” alla riscoperta del carattere, della lingua, del modo di fare e della mentalità dei livornesi.

Marcello Marziali

La serata, condotta da Simonetta Del Cittadino, attrice e regista, conoscitrice attenta della letteratura popolare livornese, vedrà la partecipazione di: Aldo Corsi, Elisabetta Macchia, Annarosa Bechelli e Franco Bocci della Combriccola Livornese, Alessio Nencioni della Compagnia La Carovana, Marco Chiappini della Compagnia del Sesto Piano e Gabriele Nuterini della Compagnia Gli amici di Paolo.

Nel corso della serata verrà consegnato il tradizionale Premio Vernacolo Livornese, giunto alla nona edizione all’attore Marcello Marziali, conosciuto anche nel mondo del cinema e della televisione.

Biglietti e prenotazioni

Posto unico numerato euro 10.
Prenotazioni obbligatorie al numero 3397768203, biglietti disponibili presso la Fortezza Vecchia, dalle ore 19.30 del giorno stesso dello spettacolo all’ingresso dello spazio spettacoli. Ingresso pedoni da Varco Fortezza Piazzale dei Marmi.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*