Augusto Daolio e la creazione dei Nomadi

In scena la sua vita e le sue opere

LIVORNO- Lo spettacolo “AUGUSTO DAOLIO”  debutterà il giorno 7 ottobre alle ore 21.15 , con replica il giorno 8 ottobre alle ore 17, presso la Piccola Bottega degli Artisti, in via Ernesto Rossi, aprendo così la stagione degli eventi targati Piccola Bottega degli Artisti.

Si tratta di un lavoro scritto da Simone Fulciniti, che trae spunto dal libro “Ma che film la Vita” di Elena Carletti e Vittorio Ariosi.  Un percorso attraverso le fasi più importanti della vita dell’ artista emiliano, nei giorni in cui cade il venticinquesimo anno dalla morte prematura. Scopriremo il suo talento attraverso gli aneddoti, gli scritti, le poesie, i pensieri e le musiche.

Gli anni della gioventù , l’ incontro con Beppe Carletti e la nascita dei Nomadi, i rapporti con Guccini, l’ attività di pittore, gli amori, le passioni, le tematiche , i litigi e i grandi dolori insomma un viaggio approfondito tra le pieghe di una vita molto intensa. In scena insieme allo stesso Fulciniti ci saranno i fidi scudieri Roberta Stagno, Sandro Andreini ed il maestro Marco Baracchino alla chitarra. Dietro le quinte Dario Albano e Cristina Fornaciari.

Conobbi l’ arte di Augusto – dice Simone Fulciniti- alla fine degli anni ottanta, quando mi capitò di assistere ad un concerto dei Nomadi, casualmente. Da allora è sempre stato un mio punto di riferimento, un personaggio incredibile, mai banale, pieno di vita e di sogni. Purtroppo il destino non fu generoso con lui e lo strappò a tutti noi con tanta troppa fretta. Era il 1992 ed aveva quarantacinque anni soltanto.”

Oggi venticinque anni dopo- conclude Fulciniti-  provo a ripagare tutto quello che ha saputo regalarmi portando in scena la sua vita e le sue opere, almeno una parte e con grande rispetto. Ho avuto il privilegio , durante la stesura del progetto, di recarmi a Novellara, il suo paese d’ origine e di incontrare coloro che lo hanno conosciuto e amato. E nella fattispecie Patrizia, una splendida persona che ha saputo donarmi alcune perle di inestimabile valore. Ed inoltre ho avuto la benedizione di Beppe Carletti e questo per me vale più di ogni altra cosa.”

  E’ consigliato prenotare al num. 347/6839045.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*