Antonio Vinciguerra inaugura la sua installazione nella sede della Provincia

Il materiale povero ed effimero sottolinea la caducità

Antonio Vinciguerra con la sua opera
Share

Pubblicato ore 15:00

LIVORNO – Si intitola “Dal vuoto dell’assenza alla presenza che ci eleva” l’opera del maestro Antonio Vinciguerra che verrà inaugurata domani, alle ore 10, nell’atrio del Palazzo Granducale sede della Provincia.

L’installazione temporanea di Vinciguerra è una riflessione disincantata sui nostri tempi: nell’era del capitalismo e del consumismo sfrenato, l’uomo è sempre più preda di uno smarrimento caotico, che lo porta a sacrificare valori e legami, ripiegando su un’insaziabile voracità di possesso e ancora di più di consumo producendo senza posa scorie e rifiuti.

L’opera di Vinciguerra si compone di scatole vuote, i contenitori con cui le merci e i prodotti arrivano sugli scaffali dei supermercati e nelle nostre case, per poi prontamente essere scartati e ridotti a rifiuto. Il materiale scelto, povero ed effimero, a voler riflettere anche sulla caducità dell’esistenza, è il mezzo con cui l’artista livornese veicola il suo pensiero. Eppure, l’opera di Vinciguerra è un messaggio di pace e di speranza, nell’assenza e nel vuoto lasciato dalla nostra società ecco una teofania: il Cristo redentore dei peccati dell’umanità.

L’evento è stato curato da Jacopo Suggi, storico dell’arte e operatore museale, che domani introdurrà il progetto di Antonio Vinciguerra, con la gentile collaborazione della Provincia di Livorno.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*