Alla scoperta dei misteri e dei segreti della Fortezza Vecchia con le Guide Labroniche

Doppio appuntamento alle ore 21.30 e 22.30

Share

Pubblicato ore 12:00

LIVORNO – Alla scoperta dei segreti, delle leggende e degli eventi misteriosi e inspiegabili avvenuti fra le possenti mura rinascimentali della celebre Fortezza Vecchia.

Domani, venerdì 24 novembre, tornano le Guide Labroniche con “Misteri in Fortezza”, la suggestiva esperienza che permetterà ai visitatori di percorrerete i sotterranei della fortezza medicea alla scoperta di storie segrete di soldati, di ribelli, di dame e di oscuri personaggi, e della stessa famiglia Medici.

Un viaggio notturno nella vita di questa straordinaria struttura, che con un millennio di storia ha visto dai crociati in partenza per la Terra Santa fino alla fucilazione dei patrioti Risorgimentali. Storie oscure e dimenticate, sepolte in archivi segreti o sussurrate di orecchio in orecchio attraverso i secoli. Tutto in un’atmosfera speciale, che vi darà anche la possibilità assistere a qualcosa di inspiegabile…

Orari partenze: 21.30 e 22.30.
Durata 50 minuti.
Prezzo: 10 € a persona, 8 € sotto i 12 anni.
Incontro per biglietteria:1 5 minuti prima dell’inizio, entrando alla fortezza dal cancellino a sinistra del Varco Fortezza, appuntamento all’interno della Quadratura (area davanti al bar) .

Prenotazione obbligatoria usando il nuovo sistema online clicca qui. Scegliete il turno della visita e seguite la procedura. Se doveste trovare difficoltà: tramite messaggio WhatsApp al 3478019682 (no vocali).

Il tour si svolerà anche in caso di maltempo essendo al riparo da vento e pioggia, tranne un rapido passaggio all’aperto di circa 30 metri). Il tour non presenta situazioni di vero e proprio horror, ma i temi trattati e le situazione suggestive consigliano di non portare bambini troppo piccoli o particolarmente suggestionabili. A discrezione e responsabilità dei genitori.
Parcheggi: vicino al Mercatino Americano (a pagamento) o il piazza Unità d’Italia (gratuito a quell’ora).

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*