Al via “Little Summer”, la rassegna promossa dal Nuovo Teatro delle Commedie

Primo appuntamento con "Il lutto ti fa bella"

L'attrice Silvia Lemmi
Share

Pubblicato ore 07:00

LIVORNO – Parte oggi, 28 giugno, “Little Summer“, la rassegna estiva promossa dal Nuovo Teatro delle Commedie. Quattro appuntamenti dedicati alle drammaturgie originali e contemporanee. Il luogo sarà la Fortezza Nuova, appuntamento alle ore 21.30.

Ad aprire la rassegna sarà “Il lutto ti fa bella” di e con Silvia Lemmi regia Emanuele Gamba, collaborazione drammaturgica di Francesco Niccolini. Lo spettacolo racconta di una perdita che l’attrice ha vissuto in prima persona.

La morte di una persona cara ci atterrisce, ci manda in tilt, ci travolge rendendoci impotenti, perché è più forte di noi, perché quando arriva, arriva. Vengono a galla la riflessione sulla caducità della vita, un profondo senso di mancanza, le nostre paure, i nostri rimpianti, i nostri rimorsi che sono inevitabili e non si annullano con un semplice c’est la vie! Sarebbe troppo facile.

Si può filosofeggiare quanto vogliamo ma alla fine diciamocelo: la morte è un grande giramento di coglioni. Un dialogo con un’assenza sempre presente sul palco in cui emerge la ricerca di un contatto, di una consolazione, di un senso a questa vita che forse un senso non ce l’ha. Un dialogo in cui inevitabilmente si inserisce il mondo esterno impreparato ad affrontare una persona che sta elaborando il lutto, creando così situazioni bizzarre che sfociano nell’assurdo e nella parodia. Il tutto sarà rappresentato in chiave comica.

Gli altri spettacoli

Il secondo appuntamento sarà il 12 luglio con “La fanciulla senza mani” di e con Elisa Canessa, Silvia Garbuggino, Federico Dimitri, Gaetano Ventriglia.
Il 26 luglio “Ragazzacci” di e con Andrea Kaemmerle e Riccardo Goretti.
A chiudere il 9 agosto “Ubu re Ubu chi?” di Simone Martini, con Daniele Bonaiuti, Simone Martini, Alessio Martinoli.

Biglietti

Intero 10 euro, ridotto 8 euro.
Informazioni e prenotazioni: 0586/1864087 – 342/0352386.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*