Al Teatro 4 Mori Enzo Decaro in scena con “Non è vero ma ci credo”

Di Peppino Di Filippo, regia di Leo Muscato

ai 4 mori nuova data per lo spettacolo non è vero ma ci credo con enzo decaro
Enzo Decaro
Share

Pubblicato ore 07:00

LIVORNO – Dopo essere stato rimandato a causa della pandemia, questa sera, 21 marzo, ore 21, verrà recuperato lo spettacolo “Non è vero ma ci credo” con Enzo Decaro, regia di Leo Muscato. L’appuntamento è al Teatro 4 Mori, presentato dalla Compagnia degli Onesti.  “Quella che andremo a raccontare è una tragedia tutta da ridere” dice Muscato.

L’avaro imprenditore Gervasio Savastano vive nel perenne incubo di essere vittima della iettatura al punto da licenziare il suo dipendete, ma ecco che arriva un giovane in cerca di lavoro, ad attrarre Gervasio è la gobba del ragazzo, da qui partirà una serie di eventi divertenti e paradossali.

Ereditando la direzione artistica della compagnia di Luigi De filippo, Leo Muscato inaugura questo nuovo corso partendo proprio dal primo spettacolo che ha fatto con De Filippo. Rispettando i canoni della tradizione del teatro napoletano, ma dando a questa storia un sapore più contemporaneo.

Enzo Decaro (vero nome Vincenzo Purcaro Decaro), attore molto amato dal pubblico per i numerosi ruoli interpretati in Tv, citiamo tra tutti, ma è molto riduttivo, “Provaci ancora prof” al fianco di Veronica Pivetti, sarà sul palco insieme a Luigi Brunetti, Francesca Ciardinello, Lucianna De Falco, Carlo Di Maio, Massimo Pagano, Gina Perna, Giorgio Pinto, Ciro Ruoppo, Fabiana Russo. Di Peppino De Fillippo.

Marzo al Teatro 4 Mori si chiude con “Que serà” (il 29): tre amici, una cena d’estate e poi improvvisamente tutto cambia perché qualcosa di imprevisto, di molto imprevisto, accade e allora ci si chiede cosa siamo disposti a fare per il nostro migliore amico. Sul palco Paolo Triestino (anche regista), Edy Angelillo e Giancarlo Ratti, tre attori di lunga esperienza di commedia d’autore. Di Roberta Skerl.

Per informazioni: 3498169659 – compagniadeglionesti@libero.it.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*