Al Silos Granaio lettura polifonica per celebrare Dante

Si esibirà un quartetto di voci femminili

Dante Alighieri. Foto: DANIELA RAMIREZ MANOSALVA da Pixabay
Share

Pubblicato ore 07:00

LIVORNO – Proprio oggi, 14 settembre, 700 anni fa moriva a Ravenna Dante Alighieri all’età di 56 anni. In tale occasione il Salone delle Colonne del Silos Granaio, piazzale dei Marmi 12 Terminal Crociere del Porto ospita una lettura polifonica a quattro voci dal titolo “Così di ponte in ponte, altro parlando”. Alle ore 19.

Un quartetto di voci femminili composto da Letizia Colonnacchi, Niki Mazziotta, Silvia Rosellini, Maria Torrigiani, attrici e cantanti, si misura con i versi tra i più conosciuti dell’Inferno: il Canto V, di Paolo e Francesca; il XXI dove i barattieri, nell’oscurità della quinta bolgia, son tormentati nella pece bollente; i versi dall’85 al 142 del Canto XXVI, dove, nell’ottava bolgia che riluce delle fiamme che avvolgono i peccatori, Dante e Virgilio incontrano Ulisse, che narra loro il suo ultimo, tragico viaggio. Conclude la performance la recita di ampia parte del Canto XXXIV, dove s’incontra Lucifero, piantato fino al petto nella ghiaccia del Cocito e le cui fattezze mostruose fanno capire come “ben dee da lui procedere ogne lutto”.

Un Dante che mai si era potuto ascoltare in precedenza e in un luogo davvero ideale qual è il monumentale Silos Granari, restaurato e ristrutturato dalla Porto Immobiliare Livorno, partner del progetto, e allo scopo attrezzato per accogliere il pubblico grazie alle strutture messe a disposizione della Fondazione Teatro Goldoni e dal Nuovo Teatro delle Commedie.

L’evento è realizzato da RadiceAR-Associazione Culturale, con la partnership di Porto Immobiliare Livorno, con la collaborazione di Fondazione Teatro Goldoni, Nuovo Teatro delle Commedie, e con il finanziamento della Fondazione Livorno.

Ingresso gratuito con green pass e prenotazione obbligatoria.
Informazioni e prenotazione: 3317306640 – 3497339213 dalle ore 10 alle 12 e dalle ore 16 alle ore 19.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*