A Castiglioncello il ricordo di Suso Cecchi D’Amico con Michele Placido

Grande sceneggiatrice, protagonista del cinema italiano

Michele Placido a Castiglioncello
Share

Pubblicato ore 07:00

  • di Sandra Mazzinghi

A Castiglioncello si è conclusa ieri la rassegna “Le notti del Cormorano” la tre giorni dedicata al Cinema che quest’anno ha ricordato il grande Nino Manfredi, protagonista della commedia italiana degli anni d’oro. Organizzata dal Comune di Rosignano Marittimo, in collaborazione con il Centro Studi Commedia all’italiana, il ricco programma di iniziative, incontri, proiezioni di film e laboratori per bambini, ha avuto luogo tra la Limonaia di Castello Pasquini e l’Arena La Pineta.

L’evento si è svolto ieri era, 21 luglio, data del compleanno della signora del cinema italiano, Suso Cecchi d’Amico, la grande sceneggiatrice che aveva scelto Castiglioncello sede del suo luogo privilegiato, dove qui aveva casa e dove sono nati molti dei suoi capolavori.

Nel pomeriggio dunque alla Limonaia del Castello Pasquini si è tenuto l’incontro per ricordare la grande sceneggiatrice, in occasione del decennale del Premio a lei intitolato che quest’anno è stato consegnato a Susanna Nicchiarelli con il suo film Miss Marx (2020). La giuria del premio era presieduta da Michele Placido presente all’incontro.

Michele Placido tra il pubblico

“Sono felice di aver potuto anche quest’anno celebrare il premio Suso Cecchi D’Amico a cui l’amministrazione comunale di Rosignano Marittimo tiene particolarmente – mi dice Licia Montagnani, assessore alla Cultura, mentre mi accoglie alla Limonaia – Tutti noi nutriamo affetto e grande riconoscenza per questa grandissima figura del panorama nazionale e internazionale, perché la signora Suso Cecchi D’Amico ha rappresentato per Castiglioncello veramente una magia. È un’icona che ci accompagna negli anni e che ci porta ad avere sempre più determinazione nel continuare a portare il messaggio importante del cinema, del teatro e della cultura in generale per la nostra comunità. Quest’anno poi la figura di Michele Placido ha aggiunto importanza a questo premio”. Mi confida che con lui e la famiglia D’Amico ha trascorso un pomeriggio veramente piacevole.

Poi Licia Montagnani ha la prima parola sul palco per presentare il premio, alla presenza di un numeroso pubblico, e non nasconde un’emozione perché il nome di Suso è collegato a sensazioni bellissime di questo luogo.
Castiglioncello ha ispirato l’arte, a partire dai macchiaioli, Castiglioncello era frequentata da moltissimi artisti: due nomi per esempio? Luigi Pirandello e Gabriele d’Annunzio. E Suso Cecchi D’Amico, con le sue frequentazioni, ha fatto conoscere questo luogo ai più grandi nomi della cultura del secolo scorso.

Massimo Ghirlanda e Masolino D’Amico

Erano presenti anche i figli – Masolino, Silvia e Caterina – che hanno raccontato aneddoti della signora Suso. Michele Placido annuncia di voler realizzare un docu-film su Suso Cecchi D’Amico, e chiede aiuto per i ricordi, a chi la conosceva bene, come i figli.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*