Serata di grande musica con il pianista tedesco Mehner

Si conclude la settima edizione di Livorno Music Festival

Il pianista Claudio Martinez Mehner. Foto: Valeria Cappelletti
Share
  • di Valeria Cappelletti:

LIVORNO – Si abbassa il sipario sul Livorno Music Festival, la kermesse estiva che dal 22 agosto a settembre ha regalato ai livornesi l’opportunità di ascoltare brani di musica classica suonati da artisti di fama nazionale e internazionale. Anna Serova, Marco Rizzi, Daniel Rivera e, ieri sera, per chiudere in bellezza, il pianista tedesco Claudio Martinez Mehner.

Musicisti che girano il mondo con i loro concerti e che hanno fatto tappa qui, da noi, nella città labronica, accolti da un pubblico che ogni volta ha saputo rispondere con grande interesse ai concerti in programma. Cornice di questa serata finale è stato l’Hotel Palazzo e ad accompagnare Mehner, Vittorio Ceccanti e cinque dei giovani talenti del Livorno Music Festival.

“Lachrymae”, questo il titolo del concerto, ha visto prima l’esibizione dei giovani Adam Newman alla viola e Arash Rokni originario di Teheran al pianoforte. I due hanno regalato al pubblico proprio il brano di Britten intitolato “Lachrymae” con un’esecuzione carica di trasporto e di grande sentimento; poi è stata la volta di Mehner, al piano, accompagnato da Adam Newman alla viola: Sonata n. 4 in fa maggiore di Hindemith, potenza e delicatezza in uno stesso brano.

A seguire, ancora, il pianista tedesco, stavolta accompagnato al violoncello da Vittorio Ceccanti, per l’esecuzione di Schumann; a chiudere Brahms suonato dal trio composto da Roberto Fiorini al clarinetto, Caterina Salizzato al violoncello e Fuko Ishii, originaria di Kanagawa in Giappone.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*