8 marzo: un mese di iniziative a Livorno tra cinema, musica e incontri

Tutte le iniziative al Centro Donna e in altri luoghi cittadini

Share

Pubblicato ore 07:00

LIVORNO – Livorno celebra la Giornata Internazionale della Donna con una lunga serie di iniziative organizzate in collaborazione l’Associazione Ippogrifo, l’Associazione Evelina de Magistris, l’Associazione FIDAPA e Sindacato Pensionati CGIL Lega 4 Salviano. Filo rosso degli eventi: il ricordo delle conquiste sociali e politiche delle donne, la lotta contro le discriminazioni e le violenze.

Mercoledì 6 marzo alle 21 appuntamento al Teatro 4 Mori con la proiezione del film “La voce della libertà” di Mounia Meddaour, un film di denuncia contro l’oppressione del corpo femminile e l’oscurantismo. Presenta l’esperta di cinema Donatella Nesti.

Venerdì 8 marzo al Centro Donna (via Strozzi, 3), che sarà la sede di tutte le successive iniziative. Alle 16.30 sarà presentato il libro: “Le commesse della UPIM”. Sottotitolo: quando il diritto al lavoro per una donna era un obiettivo irraggiungibile. Undici storie, vere o immaginate, che raccontano un universo femminile alle prese con un’epoca di transizione sospesa fra tradizioni paternalistiche, contestazione, movimenti sociali e cambiamenti radicali nelle dinamiche di genere.

Al Centro Donna

Fino al 29 marzo ospiterà la mostra “Mani di fata. Espressioni creative di donne“: ci saranno borse e gioielli creati da un gruppo di giovani donne livornesi.
Sarà aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle 12.30 e il martedì, mercoledì e giovedì dalle ore 15.30 alle ore 16.30.
Evento organizzato da Centro Donna e Ippogrifo.

Martedì 12 marzo alle 16.30 concerto-spettacolo dedicato al tema della violenza maschile sulle donne composto e ideato dal Maestro Antonio Rolfini, letto da Roberto Gamberoni, accompagnato al pianoforte da Antonio Rolfini e al violoncello da Simone Montanari.

Mercoledì 13 marzo alle 17 giornata dedicata al ricordo di Liliana Paoletti Buti e realizzata in collaborazione con l’Associazione Evelina de Magistris. Sarà ospite Chiara Ingrao, che presenterà il suo libro “Il resto è silenzio”. Un libro nato durante gli anni della guerra nella ex Jugoslavia e che ripercorrre l’impegno pacifista dell’autrice. Il saggio è stato recentemente ripubblicato perché, ora che la guerra soffia di nuovo sull’Europa, appare tragicamente attuale.

Giovedì 21 marzo alle 17 Pardo Fornaciari e Matteo Fusaro in un concerto intitolato “Un canto del cigno?”.

Martedì 19 marzo alle 16.30 concerto del Coro DIAPASON in collaborazione con l’Associazione FIDAPA.

Martedì 26 marzo alle 17 concerto della pianista Scilla Lenzi.

Mercoledì 27 marzo alle 17 la scrittrice Viola conti presenta il romanzo “Perché amo solo chi fugge?”.

Martedì 9 aprile alle 17.00 la Dott.ssa Cristina Pasquini degli Ospedali Riuniti di Livorno sarà ospite dell’incontro “L’osteoporosi nelle donne”, realizzato in collaborazione con il Sindacato Pensionati CGIL Lega 4 Salviano.

Gli altri eventi

Tra gli altri eventi che non rientrano in quelli organizzati da Ippogrifo, Evenlina De Magistris, FIDAPA e Sindacato Pensionati CGIL Lega 4 Salviano, citiamo:

l’evento dedicato al tema della violenza di genere, organizzato dal Circolo Arci Norfini di Colline (via di Salviano, 53) in collaborazione con l’Associazione Culturale Cambiamenti e previsto per l’8 marzo alle ore 17. Interverranno all’incontro Libera Camici, vicesindaco di Livorno, Monica Bellandi del direttivo Cambiamenti e Marina Chiti della presidenza del Circolo Colline. Alle ore 19.30 la serata proseguirà con un cena e poi musica da ballo. Costo della cena: 20 euro.

Nella sede di Borgo Cappuccini 25, Libertà Livorno organizza per l’8 marzo, alle ore 21, la proiezione del film “Nefarious: Mercante di Anime“, un viaggio crudo e struggente nel mondo del traffico internazionale di esseri umani, perlopiù a scopo sessuale, che anche in Italia è molto più diffuso di quanto si pensi. Il film sarà introdotto dall’associazione OM, che si occupa di anti-tratta.

Il 9 marzo alle 17.30, sempre nella sede di Libertà Livorno, incontro con gli ospiti Valentina Ferranti e Davide Stasi sul fenomeno della “violenza di genere“. Lontani dalle visioni sensazionalistiche e propagandistiche dei media, l’ argomento verrà approfondito in modo razionale e documentato, sia dal punto di vista socio-politico che da quello antropologico.

Come sempre, gli incontri sono a offerta libera e consapevole, senza prenotazione.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*